Gas chimici, Quirico: "Folle dire che io sappia che non è stato Assad"

Il belga rapito con il giornalista: le armi chimiche le hanno usate i ribelli. Ma l'inviato: "Solo una conversazione origliata, non so se sia vero"

Domenico Quirico abbraccia il ministro Bonino al suo arrivo a Ciampino

"Chiedo scusa per avervi fatto preoccupare, ma questo è il mio giornalismo". La prima telefonata di Domenico Quirico ai colleghi della Stampa, poco dopo il suo ritorno in Italia, così come la racconta su twitter il direttore Mario Calabresi, è un ribadire la filosofia dell'inviato, incapace di raccontare lontano dalla prima linea.

Dopo cinque mesi di sequestro in Siria, insieme al belga Pierre Piccinin, l'inviato della Stampa è atterrato a Ciampino ieri sera, dimagrito ma in salute. È ripartito dall'aeroporto alla volta di casa, dopo qualche breve dichiarazione alle televisioni. Quirico ha parlato di una prigionia non facile, e di una rivoluzione diversa da quella laica vista due anni fa ad Aleppo.

Cinque mesi difficili, di cui anche il belga Pierre Piccinin ha parlato oggi al corrispondente della Stampa da Bruxelles e a Radio BEL Rtl. "Ci trattavano come occidentali, cristiani - ha detto - con grande disprezzo" e "certi giorni non ci davano nemmeno da mangiare". Per due volte Quirico e lui hanno cercato di scappare dalla prigionia, ricatturati ogni volta e puniti "in maniera molto pesante".

I ribelli hanno costretto Quirico e Piccinin a una "terribile odissea" attraverso la Siria, tra "umiliazioni vessazioni, false esecuzioni", tenuti prigionieri da gruppi di volta in volta differenti. "Domenico - ha aggiunto l'insegnante belga - ha subito due false esecuzioni con una pistola".

Piccinin ha anche aggiunto che "non è il governo di Bashar al-Assad ad avere utilizzato il gas sarin o un altro gas nella periferia di Damasco". Un'affermazione che si basa su una conversazione tra ribelli origliata insieme a Quirico, ma che dovrà necessariamente essere provata con argomenti più convincenti. Lo stesso inviato della Stampa ha detto che "è folle dire che io sappia che non è stato Assad", specificando di avere soltanto sentito una discussione via Skype tra tre persone la cui l'identità è rimasta ignota.

Nella conversazione, le tre persone dicevano "che l'operazione del gas nei due quartieri di Damasco era stata fatta dai ribelli come provocazione, per indurre l'Occidente a intervenire militarmente". Ma non è possibile dire "se tutto questo sia vero".

Questa mattina Domenico Quirico e la moglie Giulietta sono stati accolti a Palazzo Chigi da Enrico Letta e dal vicepremier Angelino Alfano. Il giornalista ha poi raggiunto la procura per essere interrogato sul suo sequestro. Ai pm, il giornalista ha detto di essere stato fermato "da due pick-up con a bordo uomini armati. I primi giorni eravamo bendati: ho avuto paura di essere ucciso". Ha confermato di essere passato dalle mani di diversi gruppi, "forse tre".

Poco dopo le sette, Quirico e il direttore Mario Calabresi sono arrivati alla redazione torinese della Stampa.

Commenti

gian paolo cardelli

Lun, 09/09/2013 - 13:18

In genere non mi espongo troppo, ma ho la sensazione che Quirico sui gas ne sappia più di Obama...

Ritratto di bobirons

bobirons

Lun, 09/09/2013 - 13:35

Mi domando "cui prodest" usare tempo (del proprio lavoro) e denaro (dei contribuenti) nell'iniziare un'indagine. con quale scopo ? Emettere un mandato di cattura per i rapitori ? chi sono ? dove sono ? Ammettendo due risposte positive (chissà che i miracoli avvengano) come agire per catturarli ? signori magistrati, pensate piuttosto alle cause che giacciono nei tribunali da anni !

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Lun, 09/09/2013 - 13:37

Ma dai, siate seri. E' palese che Quirico è stato rapito dal Mossad in combutta con la Cia. I rapitori erano falsi quaedisti jihadisti per sputtanare gli eroici partigiani islamici e la frase udita è stata volutamente pronunciata per depistare dalle responsabilità il bieco Assad. Che ne dite. Ho fatto bene i compiti? Sono promosso in complottismo rosso?

Ritratto di _alb_

_alb_

Lun, 09/09/2013 - 13:41

Questo Pierre Piccinin, che non si fila nessuno, forse perché non è un sinistronzo come Quirico (infatti è lui a parlare del gas), parrebbe essere recidivo: http://www.pierrepiccinin.eu/pages/SIRIA_Viaggio_allInferno-7890888.html

roberto78

Lun, 09/09/2013 - 13:46

anche se non c'è certezza, la notizia che ad usare i gas siano stati i ribelli rivoluziona abbastanza lo scenario ... (e speriamo che li ascoltino e che loro sappiano dare qualche elemento di prova)

Ritratto di limick

limick

Lun, 09/09/2013 - 13:46

Mica si puo' lamentare che le due esecuzioni erano false!! Io mi lamenterei di piu' della falsita' della faccia della Bonino.. una pena.

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Lun, 09/09/2013 - 13:47

E' ovvio che le armi chimiche sono state usate dai ribelli. Hanno bisogno dell'aiuto USA come in Libia e ad Obama serviva il pretesto per attaccare.

Ritratto di Soldato di Lucera

Soldato di Lucera

Lun, 09/09/2013 - 13:52

Galaverna... Cosa dici!!? Non erano della cia!!!! Erano le ronde padane e i gorilla della scorta di Silvio, travestiti da mussulmani e capitanati da Calderoli che d'accordo con Borghezio inscenavano le false esecuzioni. Tutto per gettare discredito sui seguaci del profeta:-) anzi di sicuro la regia è di Nicol Minetti ! Axxo se mi piace sta versione!

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Lun, 09/09/2013 - 13:54

Dato che la magistratura è così attenta. Dovrebbe indagare Berlusconi, è stato senz'altro lui a usare il Sarin e a far sequestrare i due giornalisti. Diamoci una mossa.

Ritratto di woman

woman

Lun, 09/09/2013 - 13:56

So che si tratta di situazioni completamente diverse, però è amaro constatare che quelli di sinistra vengono liberati (magari a suo di milioni) e invece i due marò sono ancora là, dimenticati da tutti.

liberalone

Lun, 09/09/2013 - 14:18

Piccinin afferma di avere ascoltato una conversazione dei suoi rapitori sul sarin. Quale è il livello della comprensione dell'arabo, sia quello ufficiale sia il dialetto siriano, del franco-belga Piccinin?

Massimo Bocci

Lun, 09/09/2013 - 14:23

Questi gli amici dell'abbronzato democratico,come lui fanno le prove prima dei disastri UMANITARI!!!!

gibuizza

Lun, 09/09/2013 - 14:23

Non è necessario andare sul postro per scoprire la verità, quello che hanno scoperto Quirico e Piccinin, con 5 mesi di prigionia, noi lo sapevamo già da molto più tempo, ergo, il loro lavoro non è servito a nulla. Già dai tempi dela guerra in Iraq avevamo i collegamenti in diretta con la Lilly per sapere cose che già sapevamo da alcuni giorni!

Pedrino

Lun, 09/09/2013 - 14:43

Ma se vienne dimostrato che i ribelli hanno usato il gas, potrebbe essere che Obama cambi il target? Sarebbe un grande statista..

kilifi

Lun, 09/09/2013 - 14:45

Mi sfugge il fatto di come mai sia stato liberato...

Ritratto di ludaucr

ludaucr

Lun, 09/09/2013 - 14:48

Ma, quella BABBIONA della Bonino quando si interesserà seriamente dei nostri MARO' ????... Quelli sono Soldati e hanno ubbidito a degli ordini; questo Quirico, invece, c'è andato perché l'ha mandato un giornale,quindi privato.E, a quanto pare, avrebbe intenzione di ritornarci. C.....zi suoi, allora !

Ritratto di marforio

marforio

Lun, 09/09/2013 - 14:55

xg p cardelli- Ne sa di piu di Obama , ma pero´ non parla .Cagone e fifoso , o solamente un comunista di melma.

Ritratto di marforio

marforio

Lun, 09/09/2013 - 14:59

xwoman.La tragica realta italiana.L´ultimo ministro esteri con le palle era genero a Mussolini.

Ritratto di marforio

marforio

Lun, 09/09/2013 - 14:59

xwoman.La tragica realta italiana.L´ultimo ministro esteri con le palle era genero a Mussolini.

Beaufou

Lun, 09/09/2013 - 15:10

@kilifi:non lo dica in giro, perché non sta bene che si sappia, ma ci hanno alleggerito di alcuni milioncini. Si devono pur finanziare, questi qui, in qualche modo, no? E se poi il rilascio contribuisce ad intorbidare un po' le acque, con racconti stile "dico, non dico", poco male: ispettori ONU, servizi segreti, diplomazie e vertici non hanno finora cavato un ragno dal buco, quindi voce più, illazione meno, non cambia nulla. Buon per Domenico Quirico e la sua famiglia, comunque.Almeno loro tireranno un sospirone di sollievo, finalmente.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 09/09/2013 - 15:11

I can't believe it. Non ci posso credere. A tirare i gas sarebbero stati i bravi figli di Allah? Ma quando mai! E' ormai sicuro, per il coyote colorato e per il suo oligofrenico segretario di stato, che a farlo è stato quel bieco cattivone di Assad.T'ho capì, ottimo Alberto?

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 09/09/2013 - 15:15

Anche i servizi segreti tedeschi pare sappiano che l'attacco chimico è opera dei "ribelli" leggasi mercenari di Sion e sauditi.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 09/09/2013 - 15:16

Mi domando come fa la gente a credere ancora alla propaganda dei media di regime occidentali

corto lirazza

Lun, 09/09/2013 - 15:56

Mario Galaverna: stia attento che adesso l'invitano a RAI3

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Lun, 09/09/2013 - 16:14

Soldato di Lucera, caspita. Allora Quirico ha confuso il bergamasco stretto con l'arabo.

Pedrino

Lun, 09/09/2013 - 16:17

Sig Cortellari, ha cambiato il titolo. Ha telefonato Obama?

Ritratto di serjoe

serjoe

Lun, 09/09/2013 - 16:27

Testa di legno !! non gli sono servite le pedate che ha ricevuto in 5 mesi.Nessuno gli ha chiesto se sa chi ha usato i gasì e nessuno lo puo' pretendere data la sua situazione.Si limiti a fare il giornalista e dica quello che ha sentito invece di buttarla in politica.Chi e' stato non lo decide sicuramente lui.

Libertà75

Lun, 09/09/2013 - 16:30

Cioè Piccinin ci dice che sono stati i ribelli e Quirico che è stato Assad?

gpetricich

Lun, 09/09/2013 - 16:51

Scusate, cerchiamo di essere logici. Quirico è stato sequestrato dai ribelli. Intanto che era prigioniero insieme al professore francese Piccinin sente (in realtà entrambi sentono) quello che si era loro presentato come un generale dei ribelli rivelare che l'attacco col gas a Damasco è opera loro (dei ribelli), ma Quirico afferma che non sa se sia vero o meno che i ribelli abbiano usato il gas. Francamente mi sembra che il signor Quirico sia fuori di testa, vista l'esperienza che ha vissuto. Che motivo avrebbero i ribelli parlando fra loro di affermare che hanno usato il gas se ciò non fosse vero? Ecco svelato l'arcano: Assad dice la verità. Ora bisognerebbe capire chi ha fornito il gas sarin ai ribelli, vero signor Obama?

lino961

Lun, 09/09/2013 - 17:01

Ma quello con la barba nella foto è Gattuso? HA HA HA.

Ritratto di serjoe

serjoe

Lun, 09/09/2013 - 17:06

Quirico 1a versione: I gas lo hanno usato i ribelli. Quirico 2a versione: Non so se sia stato Assad. Quirico 3a versione:....E stato sicuramente Assad in persona ????...a sentire i ribelli di cui non ho capito un accidente.

gamma

Lun, 09/09/2013 - 18:52

Ciò che dice Piccinin viene confermato anche da Quirico con l'unica differenza che Piccinin la considera verosimile e illuminante mentre Quirico non si sbilancia. Quirico racconta che un giorno lui e Piccinin hanno ascoltato una conversazione in inglese fra tre persone di cui due personalmente presenti nella stanza accanto mentre la terza parlava da Skype. Uno dei due presenti lo avevano conosciuto qualche giorno prima perchè si era qualificato come "generale dell'esercito di liberazione" mentre non sapevano chi fossero gli altri due. "In questa conversazione dice Quirico - dicevano che l'operazione del gas nei due quartieri di Damasco era stata fatta dai ribelli come provocazione, per indurre l'Occidente a intervenire militarmente. E che secondo loro il numero dei morti era esagerato". (fonte ANSA). Dunque ci sono due persone che riferiscono le stesse identiche cose. Sono due persone che non hanno alcun motivo per mettersi d'accordo per dire cose non vere. Ciò che cambia è la valutazione che ognuno dei due da del fatto. Questo in aggiunta ad altre testimonianze mi portano a concludere che l'esercito di Assad non c'entri in tutta questa storia e che l'uso dei gas sia stato fatto apposta o per errore dagli stessi ribelli. Resta una cosa da appurare: gli americani sapevano o hanno creduto in buona fede ai ribelli? Oppure hanno voluto credere ai ribelli perchè era una buona occasione per finirla con Assad? In ogni caso Obama è ormai talmente squalificato a livello internazionale da poterlo già considerare l'ex presidente degli Stati Uniti. Ormai tutto ciò che dirà o proporrà nei prossimi due anni e rotti che gli rimangono sarà guardato con sopsetto e sfiducia per primi proprio dai suoi alleati europei.

michetta

Lun, 09/09/2013 - 19:41

CREDO totalmente a Piccinin. NON CREDO AD UNA PAROLA di questo Quirico, della Stampa comunista. Ed aggiungo che la signora Bonino DEVE pensare di piu', alla liberazione dei due Sottufficiali del Btg. San Marco, invece di perdere tempo appresso ai giornalisti che non capiscono un cacchio della vita e della morte! Understand? Fatelo sapere a tutti quelli che la pensano come questa gentaglia. Noi, qui in Italia, non intendiamo partecipare a guerre che i giornalisti tipo Quirico ambiscono accadano per farci pezzi, da raccontare come vogliono e come il loro partito vuole si raccontino. "Io uso lavorare cosi, sul posto!" Ma ci faccia il piacere, lui, il suo partito comunista ed il suo direttore che, in Siria, ce lo ha mandato! I nostri servizi segreti dovrebbero lavorare di piu' e con interesse maggiore, per i loro colleghi prigionieri in India, che non per questi in utioli giornalisti del cavolo!

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Lun, 09/09/2013 - 19:56

Che razza di ministri degli esteri ci capitano. Come si può pretendere di incutere non dico paura, ma almeno rispetto in chi ci guarda o in chi si relaziona con certi tipini dall'estero? I nostri parà possono stare tranquilli a vita in India. Non sarà certo gente così a riportarli a casa.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Lun, 09/09/2013 - 20:17

E adesso, vedrete, giù balle a non finire per accreditare la versione americana! E l'Europa, "furrrrba", che beve a garganella!!!!

Ritratto di centocinque

centocinque

Lun, 09/09/2013 - 21:06

@ Woman: sottoscrivo, però almeno questa volta Quirico, a differenza della sgrena, non è andato a cercarsela.

Nadia Vouch

Lun, 09/09/2013 - 21:12

Direi che queste due persone andrebbero ora lasciate un po' riposare, perché credo siano veramente provate. Poi, anche i ricordi riaffioreranno più nitidi. Comunque, ancora non si sa dopo la caduta di Gheddafi chi rubò le armi chimiche depositate in Libia. I ribelli avrebbero potuto tranquillamente impossessarsene. Resta da stabilire se hanno essi i mezzi per "spararle". Ma, anche di quelli potrebbero disporre. Forse, i discorsi origliati, erano veri?

DonatoDS

Lun, 09/09/2013 - 21:17

Galaverna, ma che promosso e promosso!!! Senza uno straccio si riferimento a sion e senza citare le lobbiesss! Addirittura ausonio sa fare di meglio - Ritenta

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Lun, 09/09/2013 - 21:38

deve dire quello che gli dicono, ha già parlato troppo senza permesso, rischia non poco se non si conforma come tutti i cittadini italiani ed europei, sicuramente non lo sentirete più parlare sul conflitto ma soltanto di mille stupidaggini ben condite per distrarre le masse dalla vera realtà.

Ritratto di Tora

Tora

Lun, 09/09/2013 - 21:55

...figuriamoci...a chi crediamo? Dunque, mumble, mumble, se sono stati i ribelli, Assad è un uomo giusto, un patriota...ma se non è stato Assad non possiamo ammazzarlo come un cane, oops, come un Gheddafi, e allora tocca dire a Quirico di continuare a fare il finto tonto, di essere vago, di dire magari che Piccinin è un'ubriacone, uno che si inventa le cose...

elio2

Mar, 10/09/2013 - 08:19

Le voci che siano stati i ribelli e non i governativi, a usare il gas si rincorrono sempre più, ma l'abbronzato forte del suo nobel per la pace che i compagni gli hanno comprato, tramite la sezione svedese del PC, la guerra la vuole fare lo stesso. Tanto che importanza potrà mai avere dichiarare tre guerre, o dichiararne quattro?

Ritratto di serjoe

serjoe

Mar, 10/09/2013 - 20:10

innamissibile pensare che io abbia detto una cosa contraria di quello che avevo pensato che sia ....dove sono rimasto ??...

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Mar, 10/09/2013 - 20:17

Bene, benissimo! Un Italiano che dopo una così tremenda esperienza, torna dai suoi cari. Bene, benissimo! Ma.... se esordisce dicendo "questo è il mio giornalismo", beh comincio a innervosirmi. Caro Quirico, sarebbe autorizzato a dire che questo è il "suo giornalismo" se al momento dei guai lei se la fosse sbrigata da solo, e invece (ancora una volta) il "suo giornalismo" è divenuto forzatamente il giornalismo dello Stato Italiano. Mi piacerebbe conoscere i particolari della vicenda: chi ha trattato il suo rilascio? Chi sono stati gli interlocutori siriani e italiani di tali trattative? Quanto è costata allo Stato Italiano (cioè a noi) e per l'ennesima volta (vedi Sgrena, Simone, e gli altri "fulminati sulla via di Damasco" dal fascino della rivoluzione integralista islamica), questa inutile, deliberata e consapevole assunzione di rischio di un giornalista? Se lei è "incapace di stare lontano dalla prima linea", nessuno può pretendere che in automatico questa diventi anche la "passione" di tutti gli Italiani che, senza averlo chiesto, vengono coinvolti. Mi sembra ci sia una continua reticenza a tutti i livelli a dire chiaramente chi l'ha rapito: lui e Piccinin sono stati sequestrati da quella infame masnada di estremisti-terroristi-golpisti infiltrati da Al Qaeda che da due anni cercano di rovesciare il governo siriano! "Ho cercato di raccontare la rivoluzione siriana - ha detto - ma può essere che questa rivoluzione mi abbia tradito. Non è più la rivoluzione laica di Aleppo, è diventata un'altra cosa"; intende dire che era lì sperando di raccontare le "giuste" gesta dei "rivoluzionari integralisti"? Intende dire che si è accorto che forse i santi oppositori di Assad non sono forse così "santi" come da due anni l'informazione occidentale (interessata e spinta a dire ciò) tenta di farci credere? Ecco l'ennesimo giornalista "politically correct" che viene violentemente obbligato a svegliarsi dal sogno equo-democratico-solidale-progressista, così caro ai fulgidi figli del socialismo reale nostrano da spingerli persino a parteggiare per i guerrafondai americani, inglesi, francesi (il nemico, il diavolo, fino a ieri) e gli altri loro "servi per convenienza" (Merkel in testa). Dopo questo "amaro risveglio", sarebbe legittimo aspettarsi che finalmente almeno il buon Quirico denunci pubblicamente che la storia siriana non è niente altro che un tentativo di golpe attuato da guerriglieri criminali (provenienti dalle organizzazioni terroristiche islamiche di mezzo mondo) finanziati, armati e spinti da potenze straniere interessate a sottrarre la Siria dall'ingerenza di Iran, Russia, ecc... per portarla sotto il controllo economico e politico di America, Arabia Saudita, Oman, ecc... e se questo significherà anche seppellire i siriani nell'ennesima repubblica islamica controllata dalla Sharia, beh chissenefrega! Cavoli loro! Tanto, per chi sta facendo tutto questo per ragioni economiche, trattare con un ayatollah, un imam, un funzionario laico di stato, è esattamente la stessa cosa.... e il popolo (per non parlare dei molti cristiani presenti in Siria già da tempo perseguitati dai "santi" integralisti) si arrangi! Non so perché ma temo che, come per la Sgrena, anche di questa storia resterà solo ciò che converrà a quelli che espongono le bandiere pacifiste e fanno i cortei a comando e solo per convenienza politica! E infatti sta già tentando di smentire le parole di Piccinin... eppure ha ammesso: "Ci trattavano come occidentali, cristiani, con grande disprezzo... certi giorni non ci davano nemmeno da mangiare". Hanno cercato di scappare e, ripresi, ogni volta sono stati puniti "in maniera molto pesante"; hanno subito umiliazioni vessazioni, e (come riferisce Piccinin) Quirico ha subito due false esecuzioni con una pistola. Eppure è ancora Piccinin che dichiara "non è il governo di Bashar al-Assad ad avere utilizzato il gas sarin o un altro gas nella periferia di Damasco", mentre Quirico non trova niente di meglio che dire "è folle dire che io sappia che non è stato Assad" arrivando addirittura a specificare di avere "soltanto" sentito una discussione via Skype tra tre persone che dicevano "che l'operazione del gas nei due quartieri di Damasco era stata fatta dai ribelli come provocazione, per indurre l'Occidente a intervenire"!!!! E Infatti i prodi Obama, Hollande (ma non era un eroe dei "pacifisti"?) e scodinzolanti vari, non vedono l'ora di "intervenire"... Non avrei mai pensato che un giorno avrei dovuto confidare nella forza, nella fermezza della Russia e di Putin per frenare le indecenti politiche degli eserciti degli speculatori globali che ci stanno rovinando. L'ultima frase, poi, poteva proprio risparmiarcela "ringrazio i funzionari della Farnesina.... un pezzo di Stato che funziona". Eh si, funziona perché l'ha salvato, ma il resto dello Stato proprio gli fa schifo; che sia la componente non prona a sinistra che lo disturba così tanto?