Siria, rapiti quattro giornalisti italiani

Quattro italiani sequestrati nel Nord della Siria. Si tratta di un reporter della Rai e di tre freelance. La Farnesina: "L'unità di crisi è attivata ed è in contatto con i familiari. Occorre mantenere il massimo riserbo: l'incolumità dei connazionali resta la priorità assoluta"

Quattro giornalisti italiani sono stati rapiti in Siria, nella zona settentrionale del paese in parte controllata dai ribelli. Il gruppo, partito il primo aprile, è composto da un giornalista della Rai, e due freelance, un veterano della fotografia di guerra ed un operatore oltre ad un italo siriano che faceva da guida. Gli italiani sono entrati dalla Turchia nelle parte settentrionale della Siria. Secondo le prime notizie di fonte araba sarebbero stati sequestrati da un gruppo estremista della frammentata guerriglia contro Damasco.

Sulla pagina Facebook del giornalista Rai il reportage era annunciato. “Ci siamo. Parto. Per la Siria, ancora una volta. E' doveroso e spero che serva a bucare il muro dell'indifferenza” ha scritto in rete. I suoi amici su Facebook gli auguravano “in bocca al lupo”. Purtroppo sono finiti nelle fauci della guerra civile in Siria, dove basta un nulla per venir prelevati dal gruppo sbagliato. La Farnesina voleva tenere riservata la notizia per cercare di non alzare la posta e risolvere il rapimento in poche ore o giorni, ma notizie del genere volano. Ieri sera il primo a parlare di voci su italiani rapiti in Siria è stato il Tgcom e poco dopo l’Ansa con un breve dispaccio d’agenzia annunciava: “Quattro giornalisti italiani rapiti nel nord” del paese.

A tarda sera la Farnesina ha confermato il sequestro precisando di seguire "sin dai primi momenti la vicenda. L'unità di crisi si è immediatamente attivata" ed è in contatto "con i familiari". "Occorre mantenere il massimo riserbo" precisa la nota del ministero sottolineando che "l'incolumità dei connazionali resta la priorità assoluta".

Da un paio di giorni dall’Italia non riuscivano più a comunicare con la troupe che era entrata in Siria nella zona di Aleppo, la città dove si combatte da mesi fra ribelli e governativi. Almeno due dei rapiti sono dei veterani dei reportage di guerra che erano già stati in Siria seguendo fin dall’inizio la rivolta contro Damasco

Commenti

cgf

Ven, 05/04/2013 - 23:30

aMMonti ci mancava solo questa, non vede l'ora di andarsene, pardon, pontificare dallo scranno di senatore a vita.

Ritratto di paola29yes

paola29yes

Sab, 06/04/2013 - 00:03

Ops! Con mortimer ministro degli esteri.......... Infatti voleva tener segreta la notizia, non voleva fare un'altra figuraccia. Mi spiace per gli italiani.

Fracescodel

Sab, 06/04/2013 - 00:10

Sul Corriere non dicono nemmeno che sono stati i RIBELLI a rapirli. Poi dicono che non fanno propaganda; se fossero stati rapiti dalle forze governative ci sarebbe stato un titolone tipo "Assad rapisce italiani". Nessuna onesta intellettuale dai giornalisti di certe testate...almeno IlGiornale ha dette nei titoli che sono stati i ribelli. Per finire un augurio che gli italiani vengano rilasciati. Strano che i ribelli li abbiano rapiti, e controproducente...molto strano.

Fracescodel

Sab, 06/04/2013 - 00:12

Non dovrebbe essere difficile riaverli: siamo alleati con chi li finanzia e li sostiene! Se non ce li ridanno subito dicendo che si son sbagliati vuol dire che dietro c'e' qualcosa di sporco...non si scappa!

Ritratto di wilegio

wilegio

Sab, 06/04/2013 - 00:18

Bravi! Continuiamo a sostenere la primavera araba! Quando la capiremo che non c'è limite al peggio e che la parola democrazia da quelle parti non sanno neanche cosa sia? Adesso dovremo pagare noi per sostenere la "loro" causa, cioè quella dell'integralismo islamico di mer...

lino961

Sab, 06/04/2013 - 00:32

Io spero che tutto si risolva per il meglio ma spero anche, e con questo non voglio essere insensibile, se viene chiesto un riscatto non venga pagato altrimenti è il cane che si mangia la coda.

graffias

Sab, 06/04/2013 - 01:24

Questa volta spero che parta il Presidente del Consiglio Monti per trattare direttamente con i sequestratori e spero per offrirsi come volontario ostaggio nelle loro mani.Sarebbe un atto coraggioso di grande valore da ricompensare con la medaglia d'oro ...alla sua memoria.

bastardo

Sab, 06/04/2013 - 05:00

bene e l'italia come nazione ancora appoggia la rivolta di questa banda di ladroni!!!!sotto assad queste cose non capitavano!!adesso tutti ad appoggiarlo immediatamenta ,a restaurare lo status quo e a fucilare questi banditi!!!forza assad!!!!!

Ritratto di tomari

tomari

Sab, 06/04/2013 - 07:09

Quello della RAI possono anche tenerselo!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Sab, 06/04/2013 - 08:25

Se ci raccomandiamo alla farnesina di questo governo siamo a posto.Ricordiamoci dei MARò.

bastardo

Sab, 06/04/2013 - 10:16

i maro'sono solo degli assassini a sangue freddo!!!!