Siria, ucciso in diretta giornalista iraniano

Un inviato della tv iraniana di Stato è stato ucciso da un cecchino. Ferito un altro reporter. L'osservatorio per i diritti umani: 30mila morti dall'inizio del conflitto. Il Vaticano: "I bambini sono i più colpiti"

Un altro giornalista è stato ucciso in Siria. Si tratta del corrispondente della tv iraniana Press Tv, Maya Nasser, raggiunto da una pallottola sparata da cecchini a Damasco mentre era in onda in tv. Colpito anche il capo dell’ufficio locale della tv al-Alam Tv (due canali, rispettivamente in inglese e in arabo, della tv di stato iraniana), Hussein Murtada, che è rimasto ferito. I due erano accorsi sul luogo dell’esplosione di questa mattina nella capitale siriana quando sono finiti sotto il fuoco di presunti ribelli. Secondo l'emittente la reporter è stata uccisa da "insorti appoggiati da forze straniere".

Su Twitter (guarda il suo profilo) il giornalista iraniano prendeva le distanze da ogni radicalismo religioso e scriveva: "Il nostro lavoro non è proteggere la religione dalla morsa dello Stato, ma proteggere proteggere lo Stato dalla morsa del radicalismo religioso". Era molto attivo su internet (guarda il suo blog) e sui social network. Questo lo aveva portato anche a scontrarsi con alcune persone che lo accusavano, più di una volta, di essere filo Assad.

Il bilancio delle vittime

Sono più di 30mila i morti a causa del conflitto in Siria, che va ormai avanti da 18 mesi. La stima è stata fornita dall’Osservatorio siriano per i diritti umani. Il direttore Rami Abdel Rahman ha precisato che 21.534 vittime sono civili, 7.322 soldati e 1.168.

Il Vaticano: a pagare di più sono i bambini

La crisi siriana "sta peggiorando e la continuità della violenza tocca in modo particolare, fa pagare il prezzo più alto ai bambini". È la denuncia dell'arcivescovo Silvano Maria Tomasi, osservatore permanente della Santa Sede presso
l'Ufficio Onu di Ginevra.

Commenti

andrea24

Mer, 26/09/2012 - 16:35

Nelle prime righe dell'articolo si parla di tv siriana,salvo correzione.Anche la PressTv(da cui anche il rispettivo famoso sito internet)è iraniana;non è filo americana o filo occidentale,come tra l'altro non lo sono tutti gli altri mezzi mainstream di più di mezzo mondo.

orlando.sacchelli

Mer, 26/09/2012 - 17:11

La tv è iraniana. Mi scuso per il refuso.

andrea24

Mer, 26/09/2012 - 21:51

Volevo scrivere "non" mainstream di più di mezzo mondo.

gpl_srl@yahoo.it

Ven, 28/09/2012 - 07:37

se in Siria ci fosse stato dell uranio o del petrolio certamente la Francia avrebbe già preteso di intervenire ma non essendoci riserve di minerali strategici i trenta o più mila morti sono una inezia: quando arriveremo a cento mila forse cominceranno ad alzare un dito, tanto per sgridare i responsabili di una tale carneficina.