«Snowden? Odiava le talpe»Rivelazioni sull'uomo del Datagate

«Stanno divulgando materiale segreto. Dovrebbero sparargli» nelle parti intime. Potrebbe averla pensata così Edward Snowden - ancora in territorio russo e in attesa di un salvacondotto, forse dall'Ecuador - quando era tecnico della Cia a Ginevra, in Svizzera, nel 2009. Alcuni utenti di Ars Technica, sito di notizie tecnologiche che mette a disposizione una chat room, sostengono che, con il nome di «TheTrueHOOHA», Snowden sia intervenuto in quel periodo in numerose discussioni riguardanti il sito WikiLeaks e condannando l'operato del suo fondatore Julian Assange, che ha pubblicato migliaia di documenti riservati riguardanti la diplomazia americana.