Sony soccombe alla crisi10.000 lavoratori a casa

Il colosso giapponese licenzierà il 6% della forza lavoro entro l'anno, a causa di perdite consistenti nel settore delle televisioni LCD

Sony - complice la crisi - non corre più. Il gruppo economico giapponese ha perciò deciso di ricorrere al licenziamento di una fetta consistente della sua forza lavoro a livello globale. Da quattro anni in rosso, per la Sony è tempo di decisioni drastiche. E allora ecco arrivare la decisione. Secondo il quotidiano finanziario Nikkei, il colosso dell'hi tech si troverà costretto a tagliare 10.000 posti di lavoro, per fare fronte al momento di crisi.

Un taglio non da poco, che porterà al licenziamento di circa il 6% della forza lavoro complessiva della società. Che è in gran parte dovuto alle perdite sempre maggiori in un settore che è il core business di Sony: quello delle tv a cristalli liquidi.

In vista c'è un consolidamento delle attività chimiche e delle operazioni LCD di piccole e medie dimensioni. Da realizzarsi preferibilmente - e probabilmente - già entro la fine di quest'anno.

Commenti
Ritratto di huckleberry10

huckleberry10

Lun, 09/04/2012 - 11:48

Il modello propugnato dalla ministra del lavoro e dal suo principale sponsor, il partito dell’ex premier Berlusconi è appunto quello ivi descritto. Con l’entrata in vigore della nuova norma sui licenziamenti per ragioni economiche, previo indennizzo, l’azienda potrà mettere alla porta dall’oggi al domani migliaia di dipendenti. C’è da chiedersi cosa accadrà in termini che stabilità sociale, quando questa norma, che è una vera e propria fabbrica di recessione e povertà inizierà ha manifestare i propri nefasti effetti. Come le masse di futuri disoccupati verosimilmente di mezza età, novelli fuori casta, si rapporteranno con la classe politica inamovibile e sempre più vorace che ci governa.

gamma

Lun, 09/04/2012 - 12:48

Forse Sony si salverà grazie a questi drastici provvedimenti e salvandosi, un giornoprobabilmente potrà riassumere i diecimila licenziati. Ma Sony dovrà anche ringraziare il cielo che in Giappone non ci sono Camusso, Bersanov e il Monti-passo-indietro. Questi tipi preferiscono che le aziende falliscano del tutto.

agostino.vaccara

Lun, 09/04/2012 - 14:08

#2,gamma. Egregio lettore, lei ha ben centrato il problema Italia. Se la Sony fosse in Italia sarebbe destinata al fallimento. In questo modo oltre i diecimila licenziati andrebbero alla rovina anche gli oltre centomila che resterebbero. Questo la cgil ed il Pd che ne è strettamente dipendente non riusciranno mai a capirlo. Per loro è meglio squartare la gallina che fa le uova d'oro piuttosto che accettare le uova che fa ogni giorno.

agostino.vaccara

Lun, 09/04/2012 - 14:08

#2,gamma. Egregio lettore, lei ha ben centrato il problema Italia. Se la Sony fosse in Italia sarebbe destinata al fallimento. In questo modo oltre i diecimila licenziati andrebbero alla rovina anche gli oltre centomila che resterebbero. Questo la cgil ed il Pd che ne è strettamente dipendente non riusciranno mai a capirlo. Per loro è meglio squartare la gallina che fa le uova d'oro piuttosto che accettare le uova che fa ogni giorno.

Ritratto di pupillo

pupillo

Lun, 09/04/2012 - 15:35

sony licenzia il 6% dei lavoratori certo che licenzia ma non per colpa della sony - perchè i cittadini non hanno più euro da spendere Anche io ho rinunciato all,acquisto di un bel trelevisore sony del prezzo di euro quasi duemila Perchè ho rinunciato ? - semplice - posseggo oltre la prima casa acquistata con mutuo nel lontano 1968 , una seconda casa ( grande errore la seconda casa - iniziata a costruirla intorno al 1975 - Poi il bocconiano non eletto ma nominato tecnico ( poi tecnico di che ) monti ha reintrodotto l,ici per la prima casa e per la seconda l,imu il cui costo si aggira intorno ai 2.000 euro,quindi addio al televisore perchè se pago l,ici più imu circa 2000 euro non posso più acquistare la tv allora, lo stato ha rimesso l,iva di 420 euro - il commerciante non ha guadagnato e chi ci rimette come al solito è il lavoratore schifosi luridi scaldapoltrone nulla facenti e tassaioli governanti non votati ma nominati quindi senza valore e forza politica non vi vergognate ?

Ritratto di pupillo

pupillo

Lun, 09/04/2012 - 15:35

sony licenzia il 6% dei lavoratori certo che licenzia ma non per colpa della sony - perchè i cittadini non hanno più euro da spendere Anche io ho rinunciato all,acquisto di un bel trelevisore sony del prezzo di euro quasi duemila Perchè ho rinunciato ? - semplice - posseggo oltre la prima casa acquistata con mutuo nel lontano 1968 , una seconda casa ( grande errore la seconda casa - iniziata a costruirla intorno al 1975 - Poi il bocconiano non eletto ma nominato tecnico ( poi tecnico di che ) monti ha reintrodotto l,ici per la prima casa e per la seconda l,imu il cui costo si aggira intorno ai 2.000 euro,quindi addio al televisore perchè se pago l,ici più imu circa 2000 euro non posso più acquistare la tv allora, lo stato ha rimesso l,iva di 420 euro - il commerciante non ha guadagnato e chi ci rimette come al solito è il lavoratore schifosi luridi scaldapoltrone nulla facenti e tassaioli governanti non votati ma nominati quindi senza valore e forza politica non vi vergognate ?