Sparatoria in California: almeno 5 feriti e 3 morti

Già fermato un sospettato: avrebbe dato fuoco a una casa vicino al campus e poi sparato a veicoli nei dintorni del college. Si teme che ci sia un altro aggressore in libertà

Foto da Twitter

Un uomo - "molto calmo e vestito di nero" - ha aperto il fuoco contro diversi veicoli (tra cui un autobus) nei dintorni del college di Santa Monica nella California meridionale ferendo almeno cinque persone (di cui una in modo grave) e uccidendone una. Poco prima aveva dato fuoco a una casa in cui sono stati trovati due corpi senza vita. La polizia ha già fermato un sospettato, che tentava di nascondersi nella bibliotega del campus. Diverse le armi utilizzate. Non è chiaro se ci sia un altro uomo - armato- ancora in libertà.

I feriti - secondo quanto riportano fonti di polizia al Los Angeles Times - sarebbero stati presi di mira mentre erano in un’automobile. Nessuna notizia al momento sulle condizioni delle persone colpite. Secondo il Los Angeles Times la sparatoria sarebbe iniziata dopo il tentativo dello sparatore di entrare nell’abitazione e di impossessarsi di un’auto.

Proprio in queste ore ore a Santa Monica era passato il presidente americano, Barack Obama, intervenuto a un incontro del partito democratico prima di raggiungere il ranch californiano in cui a breve avrà inizio l’incontro con il ledaer cinese, Xi Jinping, e che si trova a solo 5 km dal luogo della sparatoria. "Siamo consapevoli dell’incidente e non sta avendo impatto sulla visita. È una questione della polizia locale", ha minimizzato una fonte.