Il goffo sbarco di Mr Obama

Imbarazzo alla Casa Bianca per la presenza di Vladimir Putin al 70esimo anniversario dello sbarco in Normandia, la poderosa offensiva degli alleati che il 6 giugno 1944 pose le fondamenta per la liberazione d'Europa dal nazismo. I tempi cambiano e oggi per il democratico Obama è imbarazzante trovarsi a Omaha Beach col leader russo, ammaccato nell'immagine per il caso Ucraina. Obama, come comandante in capo, a differenza di Roosevelt ed Eisenhower non può replicare una tale azione militare, limitandosi a sganciare una misera bombetta. E allora si sfoga facendo sapere che in Normandia «ignorerà»lo zar. Non ti sparo, ma non ti saluto. Nella Storia c'è posto per tutti: da chi piega Hitler a chi fa il solletico a Putin.

Commenti

manente

Ven, 09/05/2014 - 09:23

L'Europa liberata dal nazismo, ora si deve liberare da sola dall'abbraccio mortale della finanza atlantica. Non bisogna trascurare il fatto che Obama è colui che, dopo il secondo conflitto mondiale, con la Serbia e l'Ucraina è riuscito a riportare di nuovo la guerra sul suolo europeo.

luigiMis

Ven, 09/05/2014 - 10:50

Ma chi siete voi? Da quale cantina siete saliti? Siete la dimostrazione fisica della debolezza del Cavaliere, che in altri tempi vi avrebbe messo a fare fotocopie, non a scivere commenti. Obama sta portando il mondo sull'orlo della guerra, con mosse pasticciate in Egitto, Siria, Libia, Iran e anche Israele. Grazie al cerchio magico di Kerry e dei neocon (Nuland, Kagan ecc.) stanno sbagliando tutto in Ukraina, appoggiando dei golpisti violenti e ignorando il pericoloso risorgere di movimenti neo-nazi. La Russia, con i suoi 27 milioni di morti, ha permesso la vittoria sul nazismo e non avrebbe diritto a presenziare alle celebrazioni dello sbarco in Normandia ? Ci volete far credere che il pericolo per la pace è la Russia, quando è dall'inizio della crisi che la Russia chiede trattative che tengano conto di tutti gli ukraini, compresi gli OTTO milioni di russofoni. Tutta la Redazione è d'accordo, visto che firmate così ?

buri

Ven, 09/05/2014 - 11:10

Obama non si smentisce mai, in politica estera è un incapace

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 09/05/2014 - 12:34

L' "ignorante" Obama può mettersi il cuore in pace: le materie prime della Siberia appartengono all'europea Russia.

Ritratto di Feyerabend

Feyerabend

Ven, 09/05/2014 - 13:28

Credo che Obama (la cui elezione, non mi stanchero' mai di ripeterlo e' anticostituzionale) dovrebbe piu' vergognarsi che imbarazzarsi di fronte a Putin. Oggi in tutta la Russia si celebra la vittoria sul nazifascismo e il golpista governo ucraino che fa? Cancella la festivita' della vittoria! Ci riflettano con chi vogliono essere amici l'unione europea e l'america.

oks11

Ven, 09/05/2014 - 13:55

x Feyerabend,Ma per che deve sparare le cavolate? Il governo Ucraino non ha cancellato le feste,hanno chiesto al popolo di non unirsi alle piazze,per evitare il scontri ,che di scontri abbiamo avuto già abbastanza.(forse unica cosa buona che hanno fatto) Invece auguri a nostri veterani,sono state fate ma senza le feste. Perciò carro Feyerabend smettiamo di divulgare le cavolate in rete.

Ritratto di Feyerabend

Feyerabend

Ven, 09/05/2014 - 15:00

Per oks11 Ho sentito l'annuncio ufficiale, in cui si diceva chiaramente che l'Ucraina non si sarebbe affiancata alla Russia neifesteggiamenti. La festivita' andava considerata abolita. (Per sempre?) Poi Lei, che ovviamente non dice cavolate) puo' interpretarla come vuole. Resta il fatto che il non eletto governo golpista ucraino ha dimostrato ancora una volta la sua natura "fascista". E solo gli Europei (lasciamo perdere gli americani, che come sempre pensano solo al loro tornaconto) possono essere cosi' ottusi da credere al desiderio ucraino di far parte dell'europa.

oks11

Ven, 09/05/2014 - 15:43

xFeyerabend Lei ha sentito annuncio? Mi vuole dire Lei che sa meglio di me ?io vivo qui, e la posso assicurare stamattina nostri figli sono andate a posare il fiori al monumento dei soldati che sono morti durante la II°guerra mondiale. Poi per favore,cerchiamo di non essere zombificati da ogni stronzata che viene sparata. Secondo Lei,Governo non riesce ad proibire ai delinquenti correre con le pistole e molotov in giro per la cita,invece proibisce Le feste nazionali?Le feste con quali siamo cresciuti,e la stessa cosa che domani mi proibiscono di credere in Dio.Non siamo ridicolo,non biutiamo di più la benzina nel fuoco già abbastanza accesso.

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Sab, 10/05/2014 - 08:55

solo l' ignoranz dei fatti è pari all' arroganza di chi vorrebbe sminuire la portata dell' impegno della Russia per la liberazione dell' Europa dal nazifascismo. Come chei vede nella lotta partigiana un fatto risolutivo alla caduta del fascismo in Italia. Ma veramente si vuole credere che lo Sbarco in Normandia sarebbe avvenuto senza che le armate tedesche avessero subito la disfatta di Stalingrado ? Ma davvero si vuole pensare che gli americani sarebbero sbarcati così "facilmente" se i capisaldisulla Manica fossero stati presidiati dai tedeschi vittoriosi sill' Armata Rossa? Se i milioni di soldati e i mezzi pesanti bloccati e distrutti sul suolo russo avessero potuto essere schierati in una vera controffensiva antisbarco? E' più logico pensare che senza la battaglia di Stalingrado gli Amis ci avrebbero pensato e forse rinunciato ad uno sbarco suicida e quasi impossibile che serebbe costato la vita di centinaia di migliaia di soldati e perdite gravissime tali da ribaltare l' esito della guerra! E ora si storce il naso sulla presenza di Putin alla commemorazione di quella vittoriosa avanzata resa possibile dal fatto che i tedeschi furono costretti a lasciare sguarniti i caposaldi per la mancanza di chi era stato debellato dai russi che anche nell' avvanzata da est diedero un risolutivo colpo alla caduta del terzo Reich con oltre 8 milioni di soldati che impegnarono e batterono le difese tedesche nella difesa di Berlino. E' ben vero che la storia viene scritta dai vincitori che la mistificano per i pripri fini politici, come stanno facendo gli USA oggi come ieri