Tre colpevoli per l'aggressione con l'acido al direttore del teatro Bolshoi

Serghiei Filin fu colpito al volto con l'acido. Il tribunale ha condannato l'ex ballerino solista come mandante e due complici

Il direttore artistico Sergei Filin durante la prova generale di un balletto

La magistratura russa ha deciso questa mattina sul caso dell'attacco all'acido contro il direttore del teatro Bolshoi, Serghiei Filin. La corte ha dichiarato colpevoli tutti i tre gli imputati nel processo, condannando l'ex ballerino Pavel Dmitricenko, ritenuto il presunto mandante, Iuri Zarutski, l'esecutore reo confesso e Andrei Lipatov, che ha fatto da autista.

Nella sentenza, il giudice Ielena Maxsimova ha sottolineato che i tre sono colpevoli di aver "arrecato un grave danno alla salute di Serghiei Filin", che rischiò di perdere la vista per le ferite e dovette subire più operazioni. Il direttore artistico del teatro è tornato in Russia solo a settembre, dopo mesi di cure in Germania.

L'ex ballerino solista Pavel Dmitricenko dovrà scontare sei anni di carcere. Per Iuri Zarutski, l'esecutore, una pena più alta: dieci anni. Andrei Lipatov dovra invece trascorrerne in cella quattro. La condanna ha ecceduto le richieste dell'accusa (nove, dieci e sei anni) solo per l'autista.

La difesa di Dmitricenko ha già annunciato un ricorso e dichiarato che la sorte professionale del ballerino potrà essere decisa soltanto dopo che se ne conoscerà l'esito.

Commenti
Ritratto di hellmanta

hellmanta

Mar, 03/12/2013 - 13:12

La solita magistratura rossa. Anzi, no, russa. Vabbè, comunque con il comunismo solo miseria, terrore e morte.