Turchia, dopo Twitter Erdogan blocca pure Youtube

La decisione arriva a tre giorni dalla elezioni locali

Dopo il blocco di Twitter in Turchia il governo ha bloccato anche l'accesso a YouTube. Come riferisce la versione online del quotidiano Hurriyet, il governo ha adottato questa misura dopo la pubblicazione online di alcune intercettazioni su presunte conversazioni tra il capo dei servizi segreti, Hakan Fidan, il presidente della Repubblica Abdullah Gul e alcuni funzionari delle forze armate: in questi dialoghi si sarebbe parlato di un piano per alzare la tensione con la Siria provocando un conflitto armato.
La decisione di bloccare la piattaforma per la condivisione di video è stata presa dal Direttorato per le telecomunicazioni (Tib), un organo legato al governo, e comunicata ai provider internet e ai gestori di telefonia turchi.

Già da tempo il premier Recep Tayyip Erdogan minacciava il blocco di YouTube, piattaforma sulla quale vengono pubblicate da settimane intercettazioni di sue conversazioni compromettenti. La decisione arriva a tre giorni dalle elezioni locali.

Commenti
Ritratto di stock47

stock47

Ven, 28/03/2014 - 00:53

Temo proprio che la Turchia si stia avviando verso la dittatura estremista dei fondamentalisti. Piano piano Erdogan sta superando i vari strati a difesa di una Turchia che era di Ataturk.

ben39

Ven, 28/03/2014 - 07:34

Secondo alcune indiscrezioni il vero motivo di questa decisione sarebbero dei video e messaggi dove Erdogan e generali dell'esercito turco discutono su come provocare una guerra con la Siria. L'abbattimento di un caccia siriano nei giorni scorsi, sarebbe stata un'azione premeditata al fine di far nascere un conflitto militare con il regime di Assad.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 29/03/2014 - 23:44

E noi dovremmo annettere all'Europa questo mussulmano antidemocratico? MA CHI CE LO FA FARE DI METTERE IL SEDERE NELLE PEDATE?