Ucraina, Mosca minaccia: "Stop ispezioni su arsenale"

Bloccati da spari in aria gli ispettori Osce: è la terza volta che cercano di entrare in Crimea

Continua il braccio di ferro di Mosca con il protrarsi della crisi in Ucraina. La Russia replica alle minacce di Usa e Nato e paventa la possibilità di impedire agli ispettori stranieri l'accesso al proprio arsenale strategico, compresi i missili nucleari.

Putin ha chiesto all’Osce un’inchiesta sull’uccisione di decine di persone da parte di cecchini durante gli scontri di fine febbraio tra polizia e insorti a Kiev dopo che è stata diffusa la registrazione di una telefonata intercettata tra il capo della diplomazia Ue Catherine Ashton e il ministro degli Esteri dell’Estonia Urmas Paet.

Gli osservatori internazionali in Crimea sono stati chiesti anche dal ministro degli Esteri ucraino Andrii Deshitsa, che ha sottolineato come il referendum per l'annessione a Mosca previsto per il 16 marzo "è illegale e non porterà a risultati legittimi né per l’Ucraina, né per la comunità internazionale". Il governo ucraino punta comunque a risolvere "pacificamente" la crisi ed è disponibile a negoziare una soluzione con la Russia e ad "avere contatti con Mosca a qualunque livello".

Da giorni però gli ispettori dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa non riescono a entrare: oggi sono stati accolti da spari di avvertimento che li hanno fatti tornare indietro. "Stiamo facendo dietro-front. Sono stati uditi tre spari, non erano però diretti a noi, ma probabilmente ad una piccola auto visibile" tra il convoglio che trasportava gli ispettori e il posto di controllo, ha detto una fonte dell’Osce.

Commenti
Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Sab, 08/03/2014 - 16:24

BENE STAVOLTA IL BISCOTTO E' DURO PER I MASSONI DEL NUOVO ORDINE, I VOSTRI PADRONI CARI ITALIANI, SPERIAMO CI RIMETTANO I DENTI E NON SOLO QUELLI, BRAVO PUTIN ELIMINA QUESTI MOSTRI CHE SI DEFINISCONO ILLUMINATI, MENTRE ISRAELE TIENE A BADA LE BESTIE ISLAMICHE IL BRACCIO ARMATO DEL NUOVO ORDINE MONDIALE.

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Sab, 08/03/2014 - 16:47

Ora Obama, Merkel e soci dovranno spiegare ai loro gruppi di potere, alla finanza internazionale e... ai propri elettori che forse hanno sbagliato i calcoli (come già tanti nella storia) nel valutare la forza e la velocità di reazione dell' "orso" Russo, che forse era meglio lasciare in semi-letargo. Non mi dilungo sulla serie di elezioni che dal 2004 (vedi "rivoluzione arancione") hanno "incasinato" l'Ukraina, chiunque può documentarsi facilmente mediando le "interpretazioni interessate" di ogni schieramento. E' comunque un dato di fatto che la parte politica che sostiene Janukovich ha sempre avuto un "peso" elettorale assoluto, e questo a dispetto dei mille distinguo e ditini alzati da parte occidentale e dall'OCSE. Nelle elezioni del 2012, il Partito delle Regioni di Janukovich ottenne 186 seggi, Opposizione Unita della Tymoshenko 105, l'Udar di Klichko (l'attuale presidente "golpista", titolare di poco più del 10% dei voti...) 40 e l'ultranazionalista Svoboda di Tiahnybok 37 (il "braccio armato" del golpe dei nostri giorni); occorre ricordare che allo stesso livello di consenso di Svoboda, arrivarono i Comunisti con 32 seggi. Gli osservatori dell’OCSE denuciarono irregolarità, abuso di risorse pubbliche, carenze nella trasparenza, nel finanziamento ai partiti, nella gestione delle liste elettorali e nella copertura mediatica in campagna elettorale (vi ricorda niente, Italiani, tutto questo?...) e il Segretario Generale della Nato, Rasmussen, dichiarò che “le elezioni parlamentari rappresentano un passo indietro per la democrazia ucraina” soprattutto a causa della disuguaglianza delle condizioni per la presentazione delle candidature e delle “PENE POLITICIZZATE che sono state imposte ai capi dell’opposizione...." (e questo? Vi ricorda niente, Italiani?). Il problema, per l'Occidente e per gli USA in particolare, fu che i risultati elettorali posero la parola "fine" al loro piano, iniziato nel 2001, di portare l'Ukraina nella Nato. Facciamola breve, per la maggioranza degli Ukraini l'adesione all'Unione Euroasiatica portata avanti dalla Russia è di gran lunga più conveniente e più sicura rispetto all'ingresso nell'Unione Europea. L'unione doganale con Russia, Bielorussia, Kazakhstan (e presto Kyrgyzstan e Tajikhstan), la conservazione dell'identità slavo-orientale e dalla moneta, l'accesso a uno "spazio economico" enorme e omogeneo, la garanzia della propria "sicurezza", il sicuro approvvigionamento energetico a prezzi convenzionati, sono premesse positive e certe che consentiranno all'Ukraina di attuare i miglioramenti necessari per rafforzare la propria economia, imboccare un percorso di crescita, migliorare il sistema interno politico e sociale e la credibilità/affidabilità a livello internazionale. Scegliendo l'Europa, l'Ukraina sceglierebbe una finta unione, dove Germania, finanza e USA gestiscono privatamente e interessatamente il destino di intere nazioni soggiogate; un'Unione Europea sull'orlo di una sicura disgregazione, da dove stati storicamente "fondatori" del drogato sogno europeo come Italia, Spagna, Belgio e molti altri (come Ungheria, Polonia, Bulgaria, Romania, Grecia, ecc...) vorrebbero uscire per riacquistare la propria VERA sovranità se solo venisse dato ai loro popoli la possibilità di esprimere un voto in tal senso. L’ Ucraina è la terza più grande economia dell’ ex-Unione sovietica, e la sua industria, agricoltura ed energia sono integrate con quella della Russia; inoltre Kiev ottiene il 60% del suo gas naturale da Mosca... L'attuale governo è frutto di un vero e proprio "colpo di stato" attuato da una assoluta minoranza violenta e venduta, pianificato e attuato con l'appoggio di strutture, soldi, informazioni, armi, organizzazioni extranazionali che hanno agito sotto la regia americana (in primis) e europea per puri e semplici interessi strategici ed economici tesi a indebolire la Russia e a imporre le stesse politiche indirizzate a esautorare ogni sovranità nazionale, monetaria e economica che purtroppo proprio noi Italiani vediamo applicati direttamente sulla nostra pelle. L'indecenza dei fatti di piazza Maidan è evidente e dovrebbe far riflettere ognuno di noi, ma la storia è talmente indegna che me ne occuperò in un prossimo post dedicato. Auguro all'Ukraina di non cadere nella trappola americana-tedesca e auguro a tutti noi che l'incoscienza dei vari Obama, Merkel, finanza internazionale e soci, non ci porti dritto a una crisi internazionale che avrebbe molto i connotati dell'antipasto di un'inevitabile e devastante conflitto mondiale. Un'ultima cosa: l'Europa ha promesso 11miliardi all'Ukraina come premio del golpe... beh, allora noi pretendiamo almeno 33miliardi per i tre golpe che abbiamo dovuto subire dal Novembre 2011.... invece delle critiche, declassamenti, umiliazioni, "istruzioni per l'uso", ingerenze che ci imppongono a piene mani ogni giorno continuamente!

ernestorebolledo

Sab, 08/03/2014 - 17:44

Stavo ricordando quando l'Italia era governata da italiani eletti (Berlusconi), o quando la Libia era un paese prospero del Nord Africa e bene amico dell'Europa. Prima della distruzione della Siria .. Ricordando manifestanti (Kiev) lanciando bottiglie cocktail Molotov , manifestanti pilotato a distanza da fuori da quei perdenti governare il mondo .. i loro cecchini hanno ucciso decine di manifestanti e polizia per creare il caos e giustificare il colpo di stato.

manente

Sab, 08/03/2014 - 18:21

E'ormai chiaro che da una parte ci sono Usa, Israele, Arabia Saudita e Quatar, alleati con l'integralismo islamico più sanguinario, compresa Al Quaeda e dall'altra parte ci sono Russia, Cina, Iran e Siria. L'Europa non esiste, divisa come è Germania ed Italia che spingono per il dialogo e Gran Bretagna e Francia che non si fanno problemi se l'Europa centro meridionale dovesse diventare un immenso un campo di battaglia. Dopo il via libera del miserrimo Napolitano all'aggressione della Libia da parte di Francia e Gran Bretagna, è chiaro che, in caso di conflitto, i maggiordomi degli Usa, Renzi compreso, non esiterebbero un istante a trascinare l'Italia in guerra, nonostante le terribili conseguenze per milioni di cittadini, data la presenza in Italia di numerose basi Nato con decine di testate nucleari sotto il totale controllo Usa. Comincia a delinearsi con chiarezza il fatto che la vera funzione della troika, della moneta unica e della crisi economica legata all'euro, sia stata solo quella di tenere l'Europa in una condizione di sudditanza tale da impedirle, in caso di crisi, di giocare un ruolo diverso da quello voluto dagli Usa. Vista l'assoluto servilismo dei nostri politici nei confronti dell'asse Usa-Israele, dobbiamo solo sperare che sia la Germania ad impedire che, a distanza di 65 anni, l'Europa venga di nuovo rasa al suolo per soddisfare la sete di dominio delle lobby della finanza atlantico-sionista.

Ritratto di gabriellatrasmondi

gabriellatrasmondi

Sab, 08/03/2014 - 20:14

Putin é in dovere a fare quel che fa. Pensate che paura ha Putin del'Europa. Basta che schiocca le dita e spariremo tutti in un batterbaleno. Io non sono di sinistra, tutt'altro, ma Putin ha ragione da vendere. Per meri vantaggi economici, l'europa ha circondato la Russia, fino quasi a strozzarla. Mi si dica chi ha fomentato la crisi in Ucraina? L'europa con la Germania in testa, hanno cercato, sempre per vantaggi economici, di staccarla politicamente dalla Russia. Questa volta Putin non ci sta, e fa anche bene. Perché tutti adesso sono contro Putin?? Perché non si é mosso un dito quando la Cina si é annessa il Tibet?? Perché l'Europa é un carrozzone che prima o poi imploderá. Allora cerca in ogni modo di sopravvivere anche a spese di altri paesi. Putin è un grande, Obama,merkel,hollande emerite schifezze.

buri

Sab, 08/03/2014 - 22:49

non c'è da meravigliarsi, lo zar di tutte le Russie non è disposto a farsi prendere in giro, gli USA e l'UE sostengono i rivoltosi di Kiev, chi per dare fastidio a Putin, malvisto dalla lobby gay imperante in occidente, e chi per interesso economici.ed è solo l'inizio, ci taglierà il gas, tutte le nostre esportazioni verso il ricco mercato russo sono a rischio

Magicoilgiornale

Sab, 08/03/2014 - 23:11

Gli ispettori sono scomodi

bastardo

Sab, 08/03/2014 - 23:14

ahahahahah!!!!!!!!!!!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Dom, 09/03/2014 - 01:06

# ilsaturato 16:47 Ottima disamina soprattutto per quanto riguarda certe similitudini con la situazione che stiamo vivendo nel nostro paese a causa delle mire egemoniche del nostro capo di stato comunista Napolitano. È vergognoso che l'Europa non abbia nulla da ridire sul trattamento che stiamo subendo noi elettori del centrodestra che vediamo una magistratura impazzita condannare vigliaccamente il capo del nostro partito Silvio Berlusconi per farlo estromettere dal parlamento. A CHE RAZZA DI EUROPA STIAMO PARTECIPANDO? Usciamone prima che sia troppo tardi.

Ritratto di lohengrin08

lohengrin08

Dom, 09/03/2014 - 07:21

ilsaturato Bravo!

Ritratto di giusdange2

giusdange2

Dom, 09/03/2014 - 07:51

Il comunismo imposto e subito dai russi, ha condizionato il loro futuro, rendendo difficile il metabolismo del concetto di democrazia.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Dom, 09/03/2014 - 10:57

Gli scienziati sono stati in grado di creare un avatar 4 Mar 2014 alle 14:33 | Scienza e della Tecnologia " Eureka " Invenzioni Gli scienziati sono riusciti a utilizzare elettrodi introdotti nel cervello e nel midollo spinale di varie scimmie e interconnesso, sono riusciti a ottenere la trasmissione degli impulsi nervosi motori da un individuo all'altro. Questa tecnologia è simile a quella che ha dimostrato prima nel film di fantascienza "Avatar", Cameron ha potuto ripristinare la mobilità delle persone paralizzate.

Ritratto di lohengrin08

lohengrin08

Dom, 09/03/2014 - 11:27

Gli scenziati posson far molto ma nulla contro il morbo di stalin

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 09/03/2014 - 16:34

Nessuno stato libero deve fare patti con gli USA: non si fanno patti con criminali.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 09/03/2014 - 16:37

Putin ha atteso fin troppo. Quanto attenderà Xi Jinping?

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 09/03/2014 - 16:39

l' UE è uno strumento americano.

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Mar, 11/03/2014 - 07:08

non dimentichiamo che lella seconda guerra mondiale il gen.Mc. Arthur (quello di Hiroshyma) aveva chiesto di bombardare con l' Atomica anche l' Europa...che contro la Serbia sono stati usati proiettili radiottivi che hanno causato la morte a distanza di nostri militari NATO. E questa sarebbe la strategia di pace americana? Vediamo che gli USA hanno sempre attraversato l' Atlantico per portare morte e distruzione nel mondo. da ultimo in Corea, Sudamerica,Vietnam, Medioriente, Balcani, Africa...ora l'Est con l' Ukraina! Cos'hanno mai fatto i Russi di paragonable? quanti europei o altri nel mondo sono stati ammazati per mano loro? Che cazzo ci fanno gli Yankees in giro per il mondo con le loro operazioni di Peace kiping? come con Saddam Hussein e ora contro la Siria ? Perché sono loro a recuperare da questo Paese le armi chimiche ritrovate? Non viene in mente a nessuno la risposta? che forse sono "roba loro" venduta e usata per incolpare altri? E che seccesse con le armi chimiche in Irak? sono state forse ritrovate , dopo che erano servite da scusa per invaderlo? e in Libia? che bel regime democratico vediamo ora nel dopo Gheddafi! Al di là delle etichette ideologiche con cui noi troppo frettolosamente bolliamo popoli e Paesi, perché non ci chiediamo chi sono gli aggressori che spargono morte e distruzione nel mondo? altro che democrazia e progresso quando si ammazzano a centinaia di migliaia cittadini inermi a casa loro!