Ucraina, protesta a Kiev Decapitata statua Lenin

Alcuni manifestanti pro-Ue hanno abbattuto una statua di Lenin a Kiev per protestare contro il governo che ha congelato un accordo con l'Ue

Alcuni manifestanti pro-Ue hanno abbattuto una statua di Lenin a Kiev. Lo fa sapere la polizia ucraina, citata dall’agenzia Interfax. Oggi centinaia di migliaia di persone sono scese in piazza contro la decisione del governo ucraino di congelare un accordo di associazione tra Ucraina e Ue. Secondo l’agenzia Itar-Tass, ad abbattere il monumento dedicato al padre della Rivoluzione d’Ottobre sono stati dei militanti del partito ultranazionalista Svoboda. I manifestanti hanno legato delle corde attorno alla statua e l’hanno fatta cadere al suolo. Successivamente - sempre secondo Itar-Tass - hanno intonato l’inno nazionale ucraino. In base a quanto si legge sul sito "KyivPost", i manifestanti che protestano contro il presidente filorusso Viktor Yanukovich hanno tirato giù la statua con l’aiuto di una fune d’acciaio. Quindi, l’hanno decapitata al grido di "Yanukovich sei il prossimo".

Commenti

vincenzo

Dom, 08/12/2013 - 18:58

E in Italia quand'è che si butta Lenin dal piedistallo?

Ritratto di pipporm

pipporm

Dom, 08/12/2013 - 19:11

Un oltraggio nei confronti dell'amico Putin

fisis

Dom, 08/12/2013 - 19:20

Va bene abbattere i simboli dei comunisti assassini. Però, gli amici ucraini stiano attenti a non cadere dalla padella dell'ex-Unione sovietica nella brace dell'Unione europea sovietica.

marina.panetta

Dom, 08/12/2013 - 19:36

Non abbandoniamo l'Ucraina come abbiamo fatto con la Cecoslovacchia e con l'Ungheria. Dimostriamo che l'Europa non solo l'euro. En passant, come la mettiamo con quelli che dicono che il comunismo sovietico è finito? A kiev stanno facendo una manifestazione retro o forse solo ora hanno il coraggio di manifestare il proprio pensoero circa Lenin?

andrea24

Dom, 08/12/2013 - 19:51

Un grande giorno per l'identità cristiana europea.La statua di Lenin,fondatore dell'Unione Sovietica,"che avrebbe sparso i suoi orrori nel mondo" è stata abbattuta da Svoboda.La stampa mainstream(che è pressoché "progressista "),e che sulla questione ucraina disinforma non sa come metabolizzare l'accaduto(l'abbattimento di un loro idolo),parlando semplicemente di statua vista dai manifestanti pro ue come un simbolo dell'attaccamento alla Russia.

andrea24

Dom, 08/12/2013 - 19:59

"Americanismo e bolscevismo" sono facce della stessa medaglia.

Ritratto di scappato

scappato

Dom, 08/12/2013 - 20:02

Quello che mi meraviglia e' che abbiano aspettato così tanto per distruggerla.

facendis

Dom, 08/12/2013 - 20:17

Ecco quello che pensano del comunismo e dei suoi eroi quelli che lo hanno vissuto sulle loro spalle! Non certo come i kompagni italiani!

belmonte

Dom, 08/12/2013 - 20:42

I dimostranti pro-Europa si sono fregati con le loro mani. D'un sol colpo, infierendo sulla statua di Lenin, si sono alienati le simpatie dei progressisti di mezzo mondo. Un tragico autogol. Succede.

andrea24

Dom, 08/12/2013 - 21:06

L'abbattimento della statua di Lenin è intrinsecamente una cosa buona.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Dom, 08/12/2013 - 22:25

SARANNO SICURAMENTE PAGATI DAI MASSONI EUROPEI OPPURE NON SI INFORMANO SULLA POVERTA' E SCHIAVITU' CHE CREA LA MONETA DI SATANA, TANTI BANCOMAT FRESCHI DA SPOLPARE POVERI STOLTI

treumann

Dom, 08/12/2013 - 22:38

Questo è un gran giorno per me; un'altra anticaglia del comunismo reale viene abbattuta.

andrea24

Dom, 08/12/2013 - 22:59

La propaganda occidentale ha indottrinato gli ucraini verso la falsa Europa.E' l'UE che deve essere distrutta come la statua di Lenin.

Ritratto di dellelmodiscipio

dellelmodiscipio

Dom, 08/12/2013 - 23:25

Non son certo, credo però che anche nella Russia attuale le statue di Lenin siano state molto ridotte, e sinceramente Putin non mi pare affatto un despota né un nemico del popolo, per cui inviterei quegli energumeni ucraini a rispettare i loro concittadini (in maggioranza favorevoli all'amicizia colla Russia, a quanto pare) attendendo che l'ordine di abbattere le statue venga dalla legittima autorità amministrativa. Sono mica in Italia, dove l'Autorità Suprema è stalinista IN BARBA alla volontà popolare! A noi resta solo di tagliar direttamente in vivo quella testina.

Baloo

Lun, 09/12/2013 - 00:02

Che l'Ucraina entri in Europa e si coalizzi con L'Italia ed i paesi mediterranei per una diversa politica di solidarietà continentale che faccia deperire la stuttura feudale ad egemonia germanica che sta imperversando .

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 09/12/2013 - 00:47

Ci sarà a Roma qualcuno di nostra conoscenza che si sarà messo a piangere vedendo la decapitazione di Lenin. E PENSARE CHE QUESTO QUALCUNO, NOSTALGICO DEL PEGGIOR COMUNISMO, VOLEVA PORTARE A ROMA LA SALMA IMBALSAMATA DI LENIN. La fine destinata ai leader comunisti, nei paesi dell'est che li hanno sopportati, non ha insegnato nulla ai nostri trinariciuti. Rimangono impantanati in una ideologia obsoleta che non verrà mai accettata dal nostro paese.

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Lun, 09/12/2013 - 05:18

gli ukraini protestano per voler entrare in Europa? oppure l' Europa li spinge affinché si uniscano al grande mercato e al grande pensiero unico mondiale? ma cari amici guardatevi intorno, vedete come finiscono gli ingenui che hanno aderito all' europa delle grandi banche delle finanziarie internazionali dei potentati che sfruttano i popoli. Sono stato di recente in ungheria che conoscevo da prima che l' EU vi impiantasse i propri capisaldi di asservimento dell'economia e della libertà di popolo e di cultura. Oggi vedo solo Istituti bancari dell' Occidente e automobili (usate) di modelli che da noi sono fuori mercato.Il sistema funziona così: il capitale internazionale impresta allo Stato i soldi (in euro!)con i quali costruire strade, abitazioni e risanare i fatiscenti centri delle città. Contemporaneamente impianta i grandi centri commerciali (Metro, Tesco, MediaW. ecc.)risultato: lo stato, che non ha per moneta l' euro ma il fiorino -che nemmeno si può cambiare nelle ns. banche- si indebita in maniera insostenibile in quanto non è in grado, né lo sarà mai, di pagare il prestito con gli interessi alle banche occidentali-come in Grecia- l' economia reale , cioè produzione, attività commerciali e di scambio sono ai minimi termini di sempre in quanto il paese di antica e consolidata tradizione rurale, non ha serie capacità di impiantare o far crescere strutture produttive da sempre quasi inesistenti. La popolazione non dispone di reddito sufficiente a comperare i beni di consumo dell' occidente (che hanno prezzi "occidentali). I grandi centri commerciali sono pressoché vuoti di compratori. Il turismo di larga scala- eccettuata la città di Budapest- si limita quasi solo alle cure dentistiche (ottime!!); l' edilizia è in crisi tanto che i prezzi di appartamanti sono quasi dimezzati in 4 anni: con 15.000€ o anche meno si comperano piccoli appartamenti che prima costavano il doppio. La gente, che pure ha ancora vivo il ricordo della durezza dell' occupazione russa, si lamenta perché a fronte di pochi che si sono arricchiti con il traffico di beni dall'occidente(Austria e soprattutto Germania)non ha accesso al benessere promesso ed anzi deve confrontarsi con la disoccupazione crescente. Per capirci la situazione è come da noi ma 5 volte peggio!! Ora è il turno dell' Ucraina- grande quasi quanto l' Europa- a fare le barricate per accedere anch'essa al sogno occidentale. Ma la Russia che non tollera una così pressante vicinanza dell' Occidente (leggi USA)ha già minacciato di "chiudere il rubinetto del gas" lasciando che il rigore dell' inverno continentale induca gli ingenui a più miti consigli e a non cedere alle lusinghe occidentali. Ma la piazza protesta...che non stia per nascere anche lì il modello "primavera dei gelsomini" che, considerata la flora locale si potrebbe meglio dire delle betulle ?

Luigi Farinelli

Lun, 09/12/2013 - 08:41

Si dannano per rinnegare il passato (l'URSS) ed entrare nella sua trasmutazione naturale: l'Europa "comunitaria" della massoneria internazionale, engeliana, marxista, ultracapitalista: sembrano contraddizioni in termini ma non lo sono, basta analizzare bene il processo storico. Ora Soros imporrà loro, per poter entrare, il ricatto della sessualizzazione dei bambini nelle scuole (omosessualismo, gender, genitori 1, 2, 3,... n) oltreché la solita empowerment femminile, Gaia e via discorrendo, con un po' di "Femen" (pagate per bestemmiare in chiesa) ed altri orrori ultralaicisti. E se si opporranno, dopo avere ricevuto prestiti da strozzinaggio, verranno ricattati come successo all'Ungheria, alla Polonia, alla Grecia, a Cipro e al Portogallo e i loro governi saranno considerati come "totalitari" anche se eletti a grandissima maggioranza. Ma potranno avere dei vantaggi notevoli: rigorose specifiche tecniche sulla curvatura ammessa per i cetrioli e sull'età alla quale i bambini potranno frequentare adulti senza chiedere il permesso ai genitori (età oggi di 14 anni, di fatto ammettente l'efebofilia e da abbassare per sbolognare anche la pedofilia).

Ritratto di cartastraccia

cartastraccia

Lun, 09/12/2013 - 08:47

Bastardi... Andrebbero deportati tutti nei gulag.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Lun, 09/12/2013 - 09:13

he he l'Unione Europe he he poveretti non hanno capito ancore chi li paga per manifestare a favore dei massoni che vogliono avvicinarsi alla Russia per cercare di invaderla. L'Ucraina sarà la tomba degli Ucraini prima e dell'Unione Europea poco dopo.

pinolino

Lun, 09/12/2013 - 09:36

Da una parte la massoneria europea, dall'altra l'ufficiale del kgb con la mano sul rubinetto del gas, una situazione da missione umanitaria.

Ritratto di ...Vaffa.3..

...Vaffa.3..

Lun, 09/12/2013 - 09:52

i nostalgici dell'unione...sovietica

Ritratto di serjoe

serjoe

Lun, 09/12/2013 - 10:33

Allo scader dell'ultimatum.. prevedo un sacco di botte e teste rotte..a far compagnia a quella di Lenin di questa notte.

andrea24

Lun, 09/12/2013 - 23:13

In un articolo su Russia Today si mostrano le immagini dell'abbattimento della statua di Lenin,che indipendentemente dalle questioni che riguardano i giochetti geopolitici che si nascondono dietro la propaganda filo-atlantica ed in chiave antirussa di massa,è sempre stata vista dagli ucraini come un male già prima delle manifestazioni europeiste.Nelle immagini si mostra infatti ciò che i giornali occidentali non hanno mostrato,e cioè un chierico ortodosso che ne inneggia alla distruzione sul posto.Anche altri ambiti religiosi,proprio in Ucraina,non hanno mancato di bruciare bandiere dell'Unione Europea(vedasi per esempio il patriarcato cattolico bizantino,di cui il sito web),e comunque dovrebbero essere a conoscenza di cosa sia l'UE.Il resto è disinformazione e gli ucraini sbagliano e non dovrebbero entrare nell'UE.