UCRAINASconto gas e prestito: Putin si «compra» Kiev

Nella tesa partita con Bruxelles per l'influenza nell'Europa dell'est, Mosca mette a segno un'ipoteca sull'Ucraina con un sostanzioso sconto sul prezzo del gas (da oltre 400 a 265 dollari per 1000 mc) e investendo 15 miliardi di dollari del proprio fondo di benessere nazionale in titoli di Stato ucraini. Quanto basta al presidente ucraino Viktor Yanukovich, accolto ieri in pompa magna al Cremlino, per scongiurare il rischio di una bancarotta nel 2014 e una sconfitta sicura alle prossime presidenziali di marzo 2015. I due, ha assicurato Putin, non hanno discusso del rinvio dell'accordo di associazione tra Ucraina e Ue.

Commenti
Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mer, 18/12/2013 - 08:06

l'Ucraina e' uno Stato in bancarotta ed in mano a pochissimi oligarchi che spadroneggiano a scapito della povera gente.per la comunita' europea sarebbe un peso e per l'Ucraina, in ogni caso, entrare nella comunita' europea capeggiata dai maghi di bruxelles, il colpo di grazia. meglio dunque andara avanti come e' sempre stato, chinare il capo al gigante dell'est e sperare di tirare avanti un altro giorno ancora.

Ritratto di serjoe

serjoe

Mer, 18/12/2013 - 08:12

Gli ucraini l'han scampata bella, non entrando nella cella europea.Loro si' che sono fortunati...liberi dagli EU assatanati.

alberto_his

Mer, 18/12/2013 - 13:32

Meglio che dall'FMI. Saggia scelta del lungimirante Yanukovich.

mila

Mer, 18/12/2013 - 17:44

@ marco piccardi -Se gli Ucraini chinano il capo al gigante dell'Est, noi che cosa facciamo abitualmente davanti al gigante dell'Ovest e ai suoi picciotti europei?