Ucraini ancora in piazza per stare con l'Europa: demolita la statua di Lenin

Folla enorme di manifestanti contro il presidente I servizi segreti minacciano inchieste "per sovversione"

Oltranzisti e trattativisti si dividono la piazza di Kiev, nuovamente stracolma di manifestanti ostili al presidente Viktor Yanukovich: ieri secondo le opposizioni ce n'erano addirittura un milione, ma anche se fossero stati alcune centinaia di migliaia si trattava comunque di una folla enorme. Una folla determinata e colorata, che si è portata al seguito le bandiere nazionali con il colori giallo e blu ma anche quelle blu con le dodici stelle in cerchio che rappresentano l'Unione Europa. Quell'Europa da noi sempre più vituperata e che per tanti ucraini rappresenta ancora una speranza, se non un miraggio, la speranza di liberarsi dal soffocante abbraccio del vicino russo che non ha alcuna intenzione di riconoscere nell'Ucraina un vero Stato sovrano, preferendo imporle nei fatti lo status di sovietica memoria di Paese a sovranità limitata (da Mosca, si capisce).

Gli oltranzisti sono i seguaci della ex premier Yulia Tymoshenko, che in una lettera scritta dall'ospedale in cui è piantonata (sta scontando sette anni di reclusione per abuso di potere in seguito a un processo che Europa e Stati Uniti bollano come politicamente motivato) e letta dalla figlia Evgenia si rivolge ai manifestanti perché continuino a lottare senza piegarsi a compromessi contro Yanukovich, «che ha perso la sua legittimità nel momento in cui non ha firmato l'accordo di associazione con l'Unione Europea». Ma sono anche i militanti di Svoboda («Libertà»), il movimento nazionalista e anti-russo, che ieri hanno chiarito i propri sentimenti abbattendo una delle tante statue di Lenin che ancora troneggiano nelle piazze di un'Ucraina che nominalmente si è lasciata alle spalle l'Urss da 22 anni. I dimostranti hanno usato una fune d'acciaio per tirar giù il monumento dal suo piedistallo e una volta a terra lo hanno decapitato e fatto a pezzi a colpi di mazza gridando in coro «Yanukovich sei il prossimo!» per poi intonare a tutto volume l'inno nazionale.

I trattativisti, contro cui tanto s'impegna la Tymoshenko, sono almeno in teoria quelli del partito Udar («Pugno») guidato dall'ex campione di pugilato Vitali Klitschko, una montagna umana che in questi giorni convulsi sta dimostrando carisma e saggezza: sono stati i suoi attivisti ieri a frapporsi tra decine di facinorosi con caschi in testa e spranghe in mano e la polizia che presidiava il palazzo presidenziale, per impedir loro di prenderlo d'assalto. Klitschko sapeva che quel gesto rabbioso sarebbe servito solo a giustificare una dura repressione anche delle manifestazioni pacifiche che lui continua a guidare.

Repressione che pare comunque già alle viste. Non solo per l'ormai imminente scadenza dell'ultimatum del governo per lo sgombero degli edifici pubblici in mano ai manifestanti a Kiev, ma soprattutto per l'annuncio dei servizi segreti ucraini (Sbu) dell'apertura di un'inchiesta per il presunto tentativo di singoli politici di sovvertire l'ordinamento e di prendere il potere. I servizi segreti non hanno reso noti i nomi dei politici coinvolti ma è probabile che si tratti di leader dell'opposizione filo-europea.
Bruxelles cerca intanto di mantenere aperta la prospettiva di un'intesa con Kiev. Il presidente dell'esecutivo Ue Jose Manuel Barroso e quello ucraino Yanukovich si sono parlati al telefono e Barroso ha rinnovato l'appello per il rispetto delle libertà civili, tornando a offrire all'Ucraina la firma dell'accordo di associazione appena bocciato; e la scorsa settimana il «ministro degli Esteri» dell'Ue Catherine Ashton sarà a Kiev. Ma il clima resta difficile. Tre giorni fa il premier russo Dmitry Medvedev aveva alzato la voce contro le «interferenze straniere in Ucraina». Evidentemente considera domestiche quelle esercitate da Mosca.

Commenti
Ritratto di ...Vaffa.3..

...Vaffa.3..

Lun, 09/12/2013 - 10:02

i nostalgici dell'unione...sovietica

Bebele50

Lun, 09/12/2013 - 10:22

L'avessero portata in Italia sarebbe stata accolta con tutti gli onori.

Ritratto di serjoe

serjoe

Lun, 09/12/2013 - 10:31

Allo scader dell'ultimatum.. prevedo un sacco di botte e teste rotte..a far compagnia a quella di Lenin di questa notte.

astice2009

Lun, 09/12/2013 - 10:38

questo vuol dire che considerano Putin uno sporco comunista

max.cerri.79

Lun, 09/12/2013 - 10:44

Guardate che poi starete pure peggio....

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Lun, 09/12/2013 - 10:55

Attualmente l'unione europea non è che sia il massimo e del resto a Kiev la Russia offre gas ed un mercato dove i prodotti ucraini possono avere qualche chance, a differenza della UE... in ogni caso una statua di Lenin gettata a terra e distrutta è sempre un bel vedere...

Ritratto di stock47

stock47

Lun, 09/12/2013 - 11:29

Gli ucraini credono che entrando in Europa diventeranno ricchi. Stanno freschi! Oppure sperano di avere via libera come i rumeni, gli albanesi e tutti gli altri di girovagare in Europa e fare i loro comodi a danno delle nazioni che li accoglieranno. Non si sono resi conto che nell'Europa, a cui loro aspirano, tira un'aria di tempesta e di sfascio peggio che a casa loro! Sarà il caso che qualcuno gli renda chiare le idee e li disilluda.

Giapeto

Lun, 09/12/2013 - 11:42

Bisogna essere folli per voler entrare nell'UE adesso. La Russia è una potenza in piena crescita e ricca di risorse naturali, un mercato culturalmente più affine a loro, ma chi glielo fa fare.

Ritratto di serjoe

serjoe

Lun, 09/12/2013 - 12:14

Gli ucraini euroscimuniti fanno il gioco dei banditi..metttere le mani sui gasdotti e piazzare i missili a vista di Mosca i campanili. Questa volta pero' non c'e' il Qatar..il gioco a replicar.

Roberto Monaco

Lun, 09/12/2013 - 12:38

Putin E' comunista, il suo background è indubitabile. Ricordate Almirante? Anche se era il segretario di un partito con un nome diverso, la sua storia era quella di un fascista al 101% (e con l'orgoglio di esserlo). Questo è un caso identico. E io rimango sempre più sbalordito di tutti i destrorsi che descrivono la Russia come il luogo della libertà e del benessere, più o meno come facevano i comunisti italiani ai tempi dell'URSS. Sia gli uni che gli altri, gente che non ha mai messo piede nei paesi che tanto elogiavano/elogiano.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 09/12/2013 - 12:49

in Ucraina è in atto l'ennesimo tentativo sovversivo comandato dalle centrali finanziarie americane (sioniste chiaramente) in funzione antirussa. I soliti criminali, insomma.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 09/12/2013 - 12:57

idioti in piazza pagati dalla merdaccia Soros e al soldo della feccia eurocratica.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 09/12/2013 - 13:01

Putin è un grande, come sempre. L'unico politico rimasto in Europa. Nell'UE solo prostitute dei banchieri, venduti

ro.di.mento

Lun, 09/12/2013 - 13:49

bene la statua abbattuta, figuriamoci. MA QUALCUNO FACCIA LORO CAPIRE CHE L'EUROPA LI STROZZERA' COME STA FACENDO CON NOI ED HA GIA' FATTO CON GRECIA, PORTOGALLO, IRLANDA, ECC.!!!!!!!!!!! per favore, avvertiteli !

Ritratto di serjoe

serjoe

Lun, 09/12/2013 - 14:05

I berkut sono gia' schierati..per dare una bella lezione..agli scalmanati.

veradestra

Lun, 09/12/2013 - 14:44

non posso che non gioire a vedere statue di lenin demolite... mi spiace Putin, solo in Italia tale Silvio Berlusconi viene a patti con un comunista come te...per fortuna che in Uxraina c'òè ancora gente che non crede alla favola comunista. Vi dovrebbero mttere tutti al muro per i danni che avete fatto nella storia caro Putin e tutti i tuoi amici comunisti del exKGB.

Ritratto di serjoe

serjoe

Lun, 09/12/2013 - 15:06

veradestra..non certo destra vera...ma dove sei cresciuto ? sei pieno di ragnatele..devo informarti che l'urss non c'e' piu',fattene una ragione e...mandala giu'.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 09/12/2013 - 15:27

questa UE è una versione moderna ed edulcorata del mostro sovietico. E Lenin, RICORDIAMOCELO, era pagato dai banchieri "americani" suoi correligionari, come gli Schiff.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 09/12/2013 - 15:29

veradestra, ti fermi alle etichette, nulla più. Putin di comunista non ha nulla. Per fortuna. Putin è un vero patriota, sensibile a valori come l'identità nazionale (non internazionalismo), tradizionale, stabilità demografica, organicismo dello Stato. Le "democrazie" occidentali sono molto più vicine al comunismo di V. Putin.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Lun, 09/12/2013 - 16:14

@Ausonio e allora le conviene informarsi meglio su putin e specialmdnte su cio' che nella sostanza ha fatto e continua a fare per la liberta' del sjo popolo.Uno cresciuto nel kgb non potra' mai cambiare.Ma com'e' che quando davvero serve l'anticomunismo vi si trova dall'altra parte?

linoalo1

Lun, 09/12/2013 - 16:23

Lasciate che entrino in Europa!Domani faranno lo stesso per uscirne!Lino.

Ritratto di semovente

semovente

Lun, 09/12/2013 - 16:51

Oggi i trinariciuti italiani sono in gramaglie per lo scempio perpetrato nei confronti di un loro avo. Non si rassegnano e sono convinti che il sol dell'avvenire risorgerà (col pensiero).

fermamarina

Lun, 09/12/2013 - 17:01

ok per la statua di Lenin distrutta, ma... qualcuno potrebbe spiegare a quei poveretti ... cos'è veramente "questa specie di europa" e quale tipo di "aiuto" riceverebbero?!!!

fermamarina

Lun, 09/12/2013 - 17:01

ok per la statua di Lenin distrutta, ma... qualcuno potrebbe spiegare a quei poveretti ... cos'è veramente "questa specie di europa" e quale tipo di "aiuto" riceverebbero?!!!

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 09/12/2013 - 18:38

Facciamo uno scambio, dentro l'Ucraina e usciamo noi.

stefod21

Lun, 09/12/2013 - 19:14

sostituiamo l'italia (minuscolo) con l'Ucraina e liberi tutti.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mar, 10/12/2013 - 09:55

Babele50, si come lo fate per Bossi, disgregare la nazione.Siete dei disfattisti.