Ulster, apre la prima clinica per aborti

C'è chi saluta ilprovvedimento come «una grande notizia» e chi si dice «indignato» e promette battaglia. Al centro del contendere è l'apertura della prima clinica privata per aborti in Irlanda del Nord. Le donne irlandesi potranno andare a Belfast per interrompere la gravidanza a partire da giovedì prossimo, quando aprirà i battenti il centro, il primo nell'isola. A promuoverla è l'ong Marie Stopes International, potente società inglese famosa per lo spot pro-aborto che prende il nome dalla paleobotanica attivista che creò la prima clinica per il controllo delle nascite in Gran Bretagna.
L'Irlanda del Nord è l'unica zona del Regno Unito dove non si applica la legge sull'aborto (Abortion Act) del 1967, a causa - scrive il Guardian che riporta la notizia - dell'opposizione della Chiesa e di praticamente tutti i partiti presenti nel Parlamento di Stormont, mentre l'interruzione di gravidanza è legale solo in alcuni rari casi. Come le donne d'Irlanda, dove l'aborto è illegale, anche le nord-irlandesi sono state finora costrette ad andare fuori dall'isola per sottoporsi alla «termination». Nella clinica di Marie Stopes sarà possibile abortire solo entro le prime nove settimane di gravidanza al costo di 450 sterline (circa 557 euro).
«Riteniamo che sia una grande notizia per la gente dell'Irlanda del nord perchè saremo in grado di soddisfare la loro pianificazione familiare e i loro bisogni relativi alla salute sessuale in un modo mai visto prima», ha spiegato il direttore della programmazione del centro, Dawn Purvis, che è anche un ex leader del partito Progressista unionista. Nel centro di Belfast sarà inoltre possibile accedere a contraccettivi di breve o lungo termine, contraccettivi d'emergenza e test dell'hiv. Di parere contrario gli anti-abortisti in Irlanda del Nord, i quali hanno annunciato che faranno campagna per chiudere il centro. «Sono indignato - ha dichiarato Bernie Smith di Precious Life - un'organizzazione che fa profitto sulla morte di bimbi non nati non è benvenuta in Ulster».

Annunci Google
Commenti

Raoul Pontalti

Sab, 13/10/2012 - 10:23

Erode sbarca nell'Isola di San Patrizio. E diabolicamente spaccia per pianificazione familiare e diritto alla salute la strage degli innocenti fatta a solo scopo di lucro. Ma questa è la civiltà occidentale per difendere la quale dobbiamo combattere contro il pericolo islamico...