Un'italiana la governante di William e Kate

Si occuperà di tutto, dalla cucina al cane. Antonella Fresolone, 42 anni, pare sia la più apprezzata dalla regina. Seguirà la coppia reale durante e dopo la nascita del bebè

Cuoca eccellente, di certo servirà piatti italiani al futuro re William. Un'italiana entra nella Casa reale britannica e lo fa in un ruolo cruciale per il benessere dei monarchi: sarà la governante di William e Kate, al momento la posizione più ambita per lo staff che si occupa dei Windsor. Il posto se l'è aggiudicato Antonella Fresolone, italiana di 42 anni, che sarà vicina alla coppia di reali più amata del mondo e che si appresta a cambiare vità con l'arrivo del bebè a luglio.
La nuova donna di fiducia di duca e duchessa di Cambridge avrebbe assunto l'incarico già da una settimana e dovrà occuparsi un po' di tutto, compreso - si dice - mettere in tavola piatti della tradizione italiana visto che si dice sia un'eccellente cuoca. Ma non è la sua unica dote, evidentemente. Antonella lavora nello staff di Buckingham Palace da 13 anni, pare sia tra i collaboratori domestici più apprezzati da Elisabetta II in persona. Grande lavoratrice con un'etica professionale eccezionale, deve aver risposto anche alle caratteristiche indispensabili di «discrezione e lealtà» richieste da William e Kate per chi avesse ricoperto il ruolo.
Si tratta di un lavoro molto impegnativo, perchè Antonella dovrà occuparsi praticamente di tutto, cane compreso (di nome Lupo). Una gran fatica ma anche un onore essere stati scelti tra le decine di aspiranti. La signora Fresolone pare si sia già trasferita nel suo nuovo appartamento a Kensington Palace, dove vivrà insieme con Kate, William e bebè reale.

Commenti

plaunad

Lun, 06/05/2013 - 09:08

Poveretta, non la invidio.....

Ritratto di genovasempre

genovasempre

Lun, 06/05/2013 - 18:21

Da noi persino i congolesi che sono pochissimi diventano ministri della repubblica, per noi invece in inghilterra gongoliamo di gioia se ci fanno fare la tata in una casa nobile.Per me siamo diventati un popolo con molti cretini

cgf

Mar, 07/05/2013 - 23:31

so what?