Usa, il Midwest è in ginocchio dopo il passaggio dei tornado

Oltre sessanta tornado hanno sconvolto gli stati del Midwest: ci sono morti e dispersi. Indianapolis spazzata dai venti che si spostano a 100 km all’ora

Gli Stati Uniti in ginocchio. Al passaggio di oltre sessanta tornado, che hanno sconvolto gli stati del Midwest, è rimasta solo morte e distruzione. Al momento, secondo un primo bilancio ancora incompleto, ci sono almeno cinque vittime, decine di persone ferite e molti dispersi solo nella contea di Washington, un piccolo centro del sud dell’Illinois, lo stato più colpito dalla furia del maltempo. Adesso l'area in tempesta si sta spostando verso la costa orientale, dove non è escluso che possa lambire anche la città di New York.

Il traffico aereo parzialmente interrotto, decine di migliaia di case senza corrente elettrica, alberi sradicati, auto roivesciate e linee ad alta tensione interrotte. Con raffiche a oltre 140 miglia l’ora, una vasta area dell'America è rimasta coinvolta in questa nuova, devastante emergenza. Almeno una decina di stati sono stati messi letteralmente in ginocchio. Tanto che il numero delle vittime potrebbe essere molto più consistente. Secondo i meteorologi la maggior parte dei danni si è verificata in appena cinque ore. Dopo aver colpito Indianapolis, l’ondata distruttiva si è spostata a est devastando stati come Ohio, Indiana e Kentucky e città molto popolose, come Detroit, Cleveland, Cincinnati e Buffalo. Da ore tutte le autorità meteo, il National Weather Service e la Protezione civile americana (Fema) hanno lanciato l’allarme: gli americani a rischio sono potenzialmente oltre 120 milioni, anche solo 53 milioni sono direttamente coinvolti. A loro è stato chiesto di rimanere chiusi in casa per proteggersi, mettendosi a riparo nelle cantine o in luoghi sicuri.

Dalle contee del Midwest le immagini che arrivano raccontano di un Paese sferzato dalla violenza dei tornado (guarda la gallery). In particolare le distruzioni subite dalle contee di Washington, Pekin e New Minden sono l'emblema della forza devastatrice della natura. Un video molto toccante postato dalla Cnn mostra il tornado soffiare fuori dalla finestra di una casa della cittadina di Washington: al cineoperatore non resta che pregare affinché vengano risparmiate la casa e la famiglia. Fortunatamente il furore del vento e della pioggia devia e cambia direzione a meno di un centinaio di metri dall'abitazione risparmiando, in questo modo, l’autore delle immagini (guarda il video). Scene incredibile sono arrivate anche da Indianapolis, dove il vento fortissimo ha addirittura spazzato via numerose automobili. Il maltempo ha costretto a interrompere anche una partita della National Football League tra i Chicago Bears e i Baltimore Ravens. I tifosi sono stati costretti a trovare rifugio proprio all'interno dello stadio.

Ora si teme che questa mortale ondata di maltempo arrivi a minacciare la East Coast, l’area più popolosa degli Stati Uniti, e arrivi a lambire anche la Pennsylvania, il Maryland e il New Jersey. C'è infatti la possibilità, per quanto remota, che possa essere sfiorata anche la città di New York.

Mappa

Commenti
Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 18/11/2013 - 09:33

Si vede che in Signore si è accanito contro i guerrafondai yankees.

blues188

Lun, 18/11/2013 - 10:27

Mille volte i tornado spazzano via tutto, ma gli americani di nuovo a ricostruire. Se fosse come i napoletani sarebbero fermi ancora al primo venticello.

peroperi

Lun, 18/11/2013 - 10:39

comincino a costruire case di pietra, cemento, mattoni con delle sicure cantine. altre soluzioni non ce ne sono.

el cachivache

Lun, 18/11/2013 - 11:34

Da tempo leggo le shocke.ze che scrive il "tetesco" franco-a-trier e non me ne curo più di tanto, non avendo tempo da perdere (il web è pieno di diversamente intelligenti..). Ma stavolta non ce l'ho fatta a non replicare ad un commento come quello scritto dal filo-kulona.

lorenzo464

Lun, 18/11/2013 - 13:13

potrebbero incominciare a costruire case vere e non di cartone

Ritratto di hellmanta

hellmanta

Lun, 18/11/2013 - 13:23

Morte, miseria, distruzione... E' passato un tornado o sono saliti al potere i comunisti da cui Berlusconi ci aveva messo in guardia?

pier47

Lun, 18/11/2013 - 13:30

buongiorno, BEN GLI STA!!Se c'è un posto al mondo che quando succedono queste cose NON MI TOCCA sono proprio gli usa."quelli che vivono nelle case di legno" NON hanno mai voluto firmare accordi internazionali per le riduzioni di gas pericolosi per l'ambiente e ne pagano le conseguenze come è giusto che sia. Tra poco toccherà anche alla cina dove le più grandi città sono ormai invivibili.Avanti tutta cosi' per il dio denaro fino alla fine. saluti

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 18/11/2013 - 14:19

hellamnta fesso , cosa c'entrano i comunisti con il tornado?

blues188

Lun, 18/11/2013 - 15:17

franco-a-trier_DE, non c'entrano i comunisti, ma gli idioti. Ne sai nulla tu?

Roberto Monaco

Lun, 18/11/2013 - 16:07

Secondo me, uno che vede i comunisti anche dietro ad un tornado, è convinto di aver visto il profilo di Bin Laden nel fumo delle torri gemelle

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 18/11/2013 - 17:37

el cachivache, si io sono anti YANKEES SE A TE PIACE LECCARE A LORO IL CULO ACCOMODATI PERO NON DIRE CHE SEI UN ITALIANO.Blues188 si io lo so che TU sei un idiota.Siete tutti lekkakuli dei vostri padroni gringos , complimenti.

stefod21

Lun, 18/11/2013 - 18:23

pier47 sei un emerito cretino rincitrullito ecoimbecille. Non sono certo i gas a provocare i tornados nelle pianure americane. Sono circa venti mila anni, ossia dalla fina dell'ultima glaciazione, che questi fenomeni si verificano! Vai un pò a studiare si wikipedia, ma dubito che tu ne sia capace.

Ritratto di abj14

abj14

Lun, 18/11/2013 - 19:53

franco-a-trier_DE : problemi ?

fedele50

Lun, 18/11/2013 - 19:54

E solo l'inizio, questa e una punizione divina, , importante che arrivi anche in italia, e batta fortemente esattamente sui palazzi dove mettono in essere ruberie,sarebbe la vera punizione divina che vorrebbero tutti gli italiani..

Ritratto di abj14

abj14

Lun, 18/11/2013 - 20:04

peroperi 18/11 10:39 scrive: "comincino a costruire case di pietra, cemento, mattoni …" - - - Concordo. Non finirà mai di stupirmi il vedere le macerie dopo uno stratempo negli SU. Circa il 90% dei detriti sono tavolame e lamiere. Con venti a 100/130 km succede un macello; Trieste allora, a causa della bora che può superare i 180 km/h, dovrebbe essere rasa al suolo. D'accordo che costa molto meno, è una scelta di vita, ma allora che non si lamentino per le conseguenze.

Ritratto di Leo Vadala

Leo Vadala

Lun, 18/11/2013 - 21:19

@peroperi & Lorenzo464 - E' certamente vero che la maggioranza delle case in USA (inclusa la mia) e' fatta con legno. Vi assicuro comunque che sono ben costruite e che, in media, durano almeno 90 e anche 100 anni. Questo lo so perche' ho lavorato qui in banca per 40 anni e, nel concedere mutui, e' necessario prendere in considerazione l'eta' dell'immobile. Cio' che forse voi non prendete in considerazione e' che la potenza economica degli Stati Uniti e' dovuta in gran parte anche al fatto che le costruzioni sono appunto fatte per NON durare a lungo. Il settore edilizio e' sempre in movimento, case nuove sorgono come funghi ovunque, e case nuove significano anche mobili nuovi, accessori nuovi, frigoriferi, TV, ecc. Certo, capitano uragani e tornado che distruggono molto, ma la stragrande maggioranza degli immobili distrutti sono assicurati, e si ricomincia daccapo. Cordialita'.

Ritratto di abj14

abj14

Mar, 19/11/2013 - 11:45

peroperi 18/11 10:39 scrive: "comincino a costruire case di pietra, cemento, mattoni …" - - - Concordo. Non finirà mai di stupirmi il vedere le macerie dopo uno stratempo negli SU. Circa il 90% dei detriti sono tavolame e lamiere. Con venti a 100/130 km succede un macello; Trieste allora, a causa della bora che può superare i 180 km/h, dovrebbe essere rasa al suolo. D'accordo che costa molto meno, è una scelta di vita, ma allora che non si lamentino per le conseguenze economiche e morti. – (2°invio)