Venezuela, Capriles: "Contesteremo l'elezione di Nicolas Maduro"

A Capriles le promesse di Maduro non bastano: irregolarità nel voto. E chiede di nuovo un riconteggio

Henrique Capriles

Di dubbi Henrique Capriles, leader dell'opposizione venezuelana, non ne ha mai avuti. L'uomo che nelle elezioni appena concluse ha sfidato Nicolas Maduro, il delfino designato da Hugo Chavez, ha detto fin dal primo giorno che nella tornata elettorale che ha confermato a Caracas l'erede del caudillo c'era qualcosa che non andava. Prima di tutto lo scarto risicatissimo che ha consegnato il governo al chavismo 2.0 di Maduro, in un'ideale continuazione di un percorso durato quindici anni. Maduro ha ottenuto il 50,75% dei voti, Capriles il 48.97%, con uno scarto di soli 265mila voti. Abbastanza per far chiedere all'opposizione un riconteggio delle schede.

Capriles ci ha provato per giorni, ma il governo si è rifiutato di verificare manualmente i voti delle scorse elezioni. Ha concesso invece un audit, un controllo elettronico sulle procedure di voto. L'opposizione ha continuato però a denunciare frodi e annunciato oggi che è pronta nei prossimi giorni a contestare ufficialmente l'elezione di Nicolas Maduro. Capriles è ottimista: si potrebbe arrivare anche a un nuovo voto.

Commenti
Ritratto di EMILIO1239

EMILIO1239

Ven, 26/04/2013 - 10:48

Cazzate di un sinistroide che da sempre rappresenta la sconfitta in persona. Se si rapporta con il numero della popolazione la percentuale della vittoria non è poco. Con due sistemi di voto affiancati, informatico e cartaceo è difficile creare imbrogli. Si è già provveduto al controllo, ma il perdente non accetta. Non gli è bastato la morte di sette poveri cristi spinti da lui alla contestazione? Conosco questo paese, per vivere e amare la propria Patria ci vuole un presidente come MADRO.

Ritratto di marforio

marforio

Ven, 26/04/2013 - 11:36

Campa cavallo,il comunismo sparira solo quando il venezuela stara come i paesi dell est prima della caduta del muro, BANCAROTTA.

Ritratto di marforio

marforio

Ven, 26/04/2013 - 11:38

xemilio1239-Certo con MADRO POSSONO ANCORA PARASSITARE MILIONI DI PARASSITI.

Ritratto di cosmo de la fuente

cosmo de la fuente

Ven, 26/04/2013 - 12:59

Qualsiasi dittatura, per far breccia nel popolo, si traveste da socialismo, anche se è puro fascismo. Lo ha fatto Hitler, lo ha fatto Ceausescu, lo ha fatto anche Mussolini quando andava a braccetto con il nazismo. Non si tratta più di politica, ma di libertà di pensiero, di parola, di potere non essere d'accordo senza rischiare la pelle. Chi non conosce la realtà del Venezuela dovrebbe tacere, oppure è in malafede. Corruzione, povertà, licenziamenti a manetta se non sei del governo, gente che chiede aiuto perhcè minacciata (funzionari pubblici). Invito tutti quelli che parlano tanto per parlare di mettersi in contatto con la maggior parte dei venezuelani, attraverso FB o TWITTER e rendersi conto ch siamo di fronte a una dittatura. Maduro ha perso clamorosamente, Capriles ha ottenuto il 70% dei voti, per quello la gente si rivolta. Non si tratta di borghesia, si parla di baraccopoli. Noi venezuelani non ci stiamo a farci invadere (già lo siamo da Cuba), se prima Chavez aveva un suo pensiero, questo zoticone ignorante di Maduro è una creatura di Castro. Non vogliamo Venecuba. Non vogliono fare il riconteggio dei voti perchè dovrebbero mollare. Da quando il comunismo si basa sulla dittatura e la mancata democrazia? Vi invito a leggere questo articolo http://www.newnotizie.it/2013/04/venezuela-dopo-le-elezioni-popolo-in-lotta-contro-la-dittatura/ E se qualcuno disinformato, in malafede o, semplicemente, perchè ha voglia di dire sempre il contrario di tutto vuol dire che un illegittimo come Maduro sia il nuovo socialismo, lasciamolo fare. Se il comunismo o il socialismo si basa su questa disinformazione certo che non ha un futuro. Viva la libertà, viva il Venezuela democratico con il popolo e non con la dittatura, con il militarismo, con l'illegittimità di un governo che per la seconda volta vuol governare pur non avendo vinto. Forza Capriles Estamos con el Pueblo, estamos con Capriles, Lucha para nuestra Venezuela COSMO DE LA FUENTE

fabrizioromani

Ven, 26/04/2013 - 14:18

caro EMILIO penso che le cazzate le spari tu dovuta alla tua ignoranza nella materia se davvero conoscessi quel paese parleresti con altre idee io come VENEZUELANO ti osso dire che quello che succede nel mio paese è una dittatura castro comunista e i voti sono stati rubati come sono stati rubati il 14 di aprile è il perdente è MADURO y no capriles .il cartaceo è stato distrutto y voti dall'estero non sono stati contati e il consejo supremo electoral gli si sono pagati 7 miglioni di dollari . Tu non sai niente del mio paese quindi riservati i tuoi ideali senza valori ne basi per intrapprendere questo discorso fai piu bella figura a stare zitto e prima di parlare assicurati che quello che dici sia coerente grazie

fabrizioromani

Ven, 26/04/2013 - 14:24

come mai non appare pubblicato il mio messaggio???

Ritratto di stenos

stenos

Ven, 26/04/2013 - 17:41

Dovunque ci sono comunisti che fanno finta di fare votazioni democratiche ci sono brogli. In Brasile i miei parenti mi hanno raccontato che il grande Lula ha vinto le elezioni pagando le masse di morti di fame con un anguria. Dopo le elezioni e la vittoria, arrivo' il furgone e una bella anguria a tutti.

maxaureli

Ven, 26/04/2013 - 18:07

Non sono importanti le persone che votano, ma coloro che contano i voti. Josef Stalin. - Ho detto tutto.