Lo «zar» Putin concede un ghetto ai manifestanti

Relegati in un ghetto. Gli oppositori dello zar Putin potranno protestare ma in aree scelte dal presidente. Dopo aver graziato Khodorkovsky e le Pussy Riot, il leader russo ha revocato ieri il divieto di tenere manifestazioni di protesta a Sochi durante i Giochi Olimpici invernali che si terranno a febbraio. Un'apertura, seppure limitata, per cercare di salvare la sua immagine internazionale. Putin ha cambiato idea su pressione del Comitato olimpico internazionale, che chiedeva libertà di manifestare, ma ha messo limiti molto stretti: gli oppositori potranno tenere iniziative pubbliche solo in un'area apposita della città, individuata dalle autorità, e previo accordo con il Comune, la polizia e i servizi segreti Fsb. Le autorità potranno anche limitare il numero dei partecipanti alle manifestazioni. Si tratta di limitazioni abituali nelle città russe, dove gli oppositori vengono sistematicamente spediti a manifestare lontano dal centro e in numero ridotto. Ad agosto tuttavia Putin aveva deciso che neppure questo sarebbe stato possibile a Sochi. Dal 7 gennaio al 21 marzo, nella città sul Mar Nero sarebbe stato impossibile tenere manifestazioni diverse da quelle olimpiche. Motivi di sicurezza, era stato spiegato. Sochi è a 200 km dalle regioni del Caucaso piagate dal terrorismo islamico.

Commenti
Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 05/01/2014 - 10:47

Il Giornale si allinea ai toni propagandistici dei giornali del bilderberg?

mila

Dom, 05/01/2014 - 17:54

A proposito delle Pussy Riot condannate e poi, forse con eccessivo buonismo, graziate, a Natale la cattedrale di Colonia e' stata dissacrata da una Femen che si e' arrampicata e denudata sull'altare; nessuno e' stato arrestato, mentre pare che il Vescovo di Colonia, che aveva fatto dichiarazioni politicamente scorrette, sia stato costretto a dimettersi. La critica che si dovrebbe fare al Governo russo e' che dovrebbe concedere asilo politico a tanti Europei, non solo ai ricchi o alle ex-spie.

maricap

Dom, 27/03/2016 - 18:21

Pussy Riot ahahahah. Consegnatele agli islamici, poi vediamo che rivolte fanno. Al limite, durante l'orgia,potranno rivoltarsi nel letto, per offrire " L'altra guancia" onde dare un po' di sollievo.... a quella abbondantemente abusata. Oih!

Pisslam

Dom, 27/03/2016 - 18:36

Onore allo zar Putin, unico vero leader europeo con le p@lle! Onore ai lupi bianchi. Senza Putin l'Europa sarebbe già da decenni meticcia grazie alle politiche islamizzatrici di quel porco di Soros (che tanto tra un po crepa) e del suo amico Barack HUSSEIN Obama membro della fratellanza musulmana

fabiod

Dom, 27/03/2016 - 20:11

Non hanno che gridato un Po e logicamente é subito arrivata la polizia.....dov'era a Colonia???