Estradata in Italia la Scrocco: sequestrò e uccise la Silocchi

È stata consegnata alle autorità italiane Rose Ann Scrocco, condannata per il sequestro e l'uccisione di Mirella Silocchi e per altri gravi reati, è arrivata ieri sera all'aeroporto di Fiumicino proveniente da Amsterdam, dove viveva da 15 anni. Accompagnata dai carabinieri del Ros e da funzionari dell'Interpol la donna è stata presa in consegna dagli agenti è portata poi dalla polizia penitenziaria al carcere di Rebibbia. La Scrocco è una figura di spicco dell'eversione interna, considerata anello di raccordo tra gli anarchici ed elementi del banditismo sardo specializzati in sequestri di persona. Nata a Chelsea negli Usa il 7 aprile 1962, italo-americana, ex hostess, la donna era da tempo inserita nell' elenco dei 30 «super-latitanti» del Viminale, ricercata dal 1991 per sequestro di persona a scopo di estorsione e dal 1997 per associazione sovversiva, omicidio, banda armata ed altro. Deve scontare due condanne definitive a 30 anni di reclusione, una della Corte d'Assise d'appello di Bologna, per «concorso in sequestro di persona a scopo di estorsione con morte dell'ostaggio», e un'altra dalla Corte d'Assise d'appello di Roma per associazione terroristica, concorso in omicidio, concorso in strage ed altri reati.