Estremista di destra uccide bambina e donna africana

Bruxelles. Un ragazzo di 18 anni con «simpatie di estrema destra» ha ucciso ieri ad Anversa una donna di origine africana e una bambina, e ha ferito gravemente un’altra donna di origine turca. L’omicida è stato bloccato dalla polizia. Secondo la procura di Anversa, il giovane, ora piantonato in ospedale, «aveva segni distintivi degli skinhead e altri segnali che fanno riferimento all’estrema destra». Un testimone ha detto che il giovane ha colpito «senza un motivo apparente» prima la donna e poi la bambina, di «8 o 9 anni», di cui l’africana aveva la custodia. Anversa conta una grande comunità di immigrati soprattutto di origine africana e turca. La città è nota da tempo anche per essere una delle principali roccheforti del partito di estrema destra. Sul caso è subito intervenuto il primo ministro belga Guy Verhofstadt, che si è detto scioccato per l’accaduto.