«Eternit in disfacimento a pochi metri dalle finestre della scuola»

«Migliaia di metri cubi di coperture in eternit nell’autoparco della polizia sono in avanzato stato di degrado a pochi metri dal Villa Flaminia». Lo denunciano i genitori degli alunni in una lettera al sindaco, Walter Veltroni, e al prefetto Achille Serra, dopo che «le ripetute segnalazioni alla direzione dell’istituto e alle competenti autorità non avevano sortito alcun effetto. Il materiale tossico, vietato per legge e a obbligo rimozione, ricopre i capannoni dell’autoparco della polizia, ormai in disuso e parzialmente in rovina». Secondo quanto denunciato nella lettera, «la struttura è separata dal Villa Flaminia solo da un muro alto poco più di tre metri, e il materiale tossico si trova a solo pochi metri di distanza dalle finestre delle aule in cui studiano oltre 900 bambini e ragazzi. Il materiale è in evidente stato di disfacimento, e la dispersione nell’aria delle polveri di amianto è più che una possibilità».