Eto'o: «Vieni in Russia, vedrai che bello!»

Sembra che la Russia possa diventare una meta ambita, probabilmente vedendo le cifre che girano, ma Eto'o ha accettato la corte di Kerimov in cambio di un assegno da 20 milioni di euro a stagione. Una cifra da sogno, non solo per noi, ma anche per tanti calciatori che pensano sia così per tutti.

Oh, l'hanno proprio convinto. Non c'è stato bisogno di troppi giri di parole perché Samuel Eto'o quando sente parlare di soldi capisce tutto al volo e la mette. La firma. Adesso ha fatto girare la voce che potrebbe non essere l'ultimo grande campione a trasferirsi nella Russian Premier League: «Molti calciatori ora pensano di venire qui a giocare», ha dichiarato in una intervista alla Cnn dopo che in estate ha infilato la maglia dell'Anzhi Makachkala del magnate Kerimov. E noi a scrivere: non andare che prendi freddo, non c'è nessuno che viene a vederti tranne gli operai sulle gru, se vai esci dal calcio che conta.
Invece sembra che la Russia possa diventare una meta ambita, probabilmente vedendo le cifre che girano, ma Eto'o ha accettato la corte di Kerimov in cambio di un assegno da 20 milioni di euro a stagione. Una cifra da sogno, non solo per noi, ma anche per tanti calciatori che pensano sia così per tutti. Eto'o però non ha dubbi sulla crescita del movimento calcistico del paese che ospiterà i Mondiali nel 2018: «Praticamente ogni giorno ricevo un messaggio o una telefonata da calciatori di alto profilo che mi chiedono se ci sono opportunità di venire qui, perché la verità è che il futuro del calcio è in Russia». Per lui è il presente, per tanti altri che finiranno all'amo non è detto.