Eur, i ricavi superano i 35 milioni

da Milano

Si è chiuso con ricavi per oltre 35 milioni di euro (+20,7% rispetto al 2004) il bilancio 2005 di Eur Spa. Gli utili di esercizio hanno superato gli 8 milioni di euro e agli azionisti sono stati distribuiti sottoforma di dividendi circa 5 milioni. Sono questi i numeri esaminati nei giorni scorsi dal Consiglio di amministrazione della società per il 90% di proprietà del Ministero dell’Economia e per il 10% del Comune di Roma.
Per quanto riguarda i dati di bilancio il margine operativo lordo è salito a quasi 16 milioni di euro, in crescita del 5,3% rispetto ai 15 del 2004 e la redditività del capitale investito è passata dallo 0,96% all’1,12%. L’amministratore delegato Mauro Miccio ha sottolineato come «gli investimenti diretti e indiretti, alla fine del periodo che va dal 2003 al 2009, ammonteranno a 536 milioni di euro, una cifra che corrisponde quasi al valore degli immobili di Eur Spa (650 milioni di euro) a perizia 2000».
Nei prossimi anni l’Eur si arricchirà di nuove opere: il nuovo Centro Congressi, il Velodromo, la ristrutturazione del Palazzo della civiltà italiana, il Mare nostrum acquarium. Il Centro Congressi aprirà i battenti nell’aprile del 2009 in un’area di 27mila metri quadrati, con una «nuvola» di Gore-tex, progettata dall’architetto Massimiliano Fuksas (che sarà una sorta di Auditorium sospeso tra i 15 ed i 18 metri d’altezza e potrà accogliere 1.800 persone) 11mila persone di capienza complessiva, 2.600 posti auto, un hotel con 600 camere.