Euroflora: l’Esercito chiude lo stand dopo l’attentato Cordoglio dal mondo politico

Ha interrotto immediatamente l'attività ludica nel suo stand a Euroflora, alla Fiera di Genova, l'Esercito italiano, appena avuta la notizia della morte dei militari a Nassiriya. Nello stand si tenevano animazioni rivolte ai bambini. Finora erano stati 2.500 i bambini che, assistiti dagli Alpini, si erano arrampicati sulla palestra di roccia e avevano attraversato il ponte tibetano. Fiera di Genova spa si è associata al cordoglio e ha deposto dei fiori nell'aiuola sede dell'attività dei militari. Claudio Burlando, presidente della Regione Liguria, in un telegramma indirizzato al Capo di Stato Maggiore dell'Esercito, Generale Cecchi, e al Comandante Generale dell'Arma dei Carabinieri, Generale Gottardo, ha espresso «il più profondo cordoglio della giunta regionale ligure ai familiari dei caduti, all'Esercito e all'Arma dei Carabinieri per il nuovo ed efferato atto terroristico di cui sono stati vittime i militari italiani». «Profondo cordoglio e la solidarietà dell'intera comunità provinciale alle forze armate italiane» sono stati espressi in un comunicato dal presidente della Provincia di Genova, Alessandro Repetto. Il dolore dei genovesi tutti è stato espresso dal sindaco Giuseppe Pericu, che ha espresso cordoglio. Sentimenti di cordoglio sono stati espressi dal senatore di An Giorgio Bornacin, dal senatore Lorenzo Forcieri (Ds) e dal deputato Ds Roberta Pinotti. Il capogruppo regionale di Alleanza Nazionale, Gianni Plinio, ha reso noto di aver inviato un telegramma al generale Alessandro Tornabene, Comandante regionale Carabinieri ed al generale Piercorrado Meano, Comandante del Reclutamento e Forze di Completamento Regionale «Liguria» dell'Esercito Italiano, per esprimere profondo cordoglio alle famiglie dei militari italiani vittime del «vile attentato terroristico di Nassiriya».