Euronext, New York non esclude un rilancio

da Milano

Un rilancio? È possibile. Il New York Stock Exchange non esclude l’ipotesi di rivedere l’offerta per Euronext, anche se l’eventuale decisione verrà presa solo dopo l’assemblea dei soci del consorzio borsistico europeo, convocata per dicembre.
Secondo quanto riferito a Reuters da una fonte vicina alla vicenda, il Nyse vuole capire meglio il valore dell’offerta concorrente che sta studiando Deutsche Börse. Euronext e Nyse hanno concordato a inizio estate un accordo di acquisizione da poco meno di 8 miliardi di euro, ma il calo del titolo Nyse e quello del dollaro hanno limato il valore dell'offerta a 7,6 miliardi. In queste condizioni l’offerta - respinta da Parigi - di Deutsche Börse, pari a 8,3 miliardi, risulterebbe più conveniente. Ma la struttura dell’intesa proposta dai tedeschi è tale, spiega la fonte, che se le sue azioni e quelle di Euronext non si muovono nei prossimi tre mesi il divario con le proposte Nyse potrebbe tornare a chiudersi.
Il presidente di Euronext, Jean-François Théodore, ha di recente spiegato che la fusione con New York potrebbe essere perfezionata entro il primo trimestre 2007. Con i tedeschi, gli italiani di Borsa Italiana continuano però a spingere verso un’alleanza in senso paneuropeo che includa anche Euronext.