Europa ai massimi da metà 2001

Le indicazioni di ieri, che sembrano delineare negli Usa un rallentamento della crescita economica, hanno ingessato il mercato azionario di New York. Ancora depressa General Motors, in calo nell’anno in corso del 54%, minimo da 20 anni. È proseguito il rafforzamento di Hilton Hotels (più 2%) grazie al progetto di riunire nel proprio marchio le attività negli Usa e internazionali del gruppo. Sempre di scena i farmaceutici, con Celgene in crescita del 3,1%, al successo di un farmaco efficace nella cura di tumori. Su anche Alkermes (più 5%) per il via libera a un trattamento contro l’alcolismo. Chiusure record in Europa, con gli indici borsistici ai massimi da 4 anni e mezzo. A Londra Hilton Group cresce ancora dell’1,5%, ma ritornano in auge i minerari, con Xtrata in rialzo dell’1,4%. A Parigi bene i titoli del lusso, con Ppr in rialzo dell’1,8% e L’Oréal dell’1,3%. A Francoforte in luce Continental (più 1,5%), Siemens (più 1,3%) e il colosso del turismo Tui (più 1,3%).