Europa e Usa Pera fa il punto

L’Europa è in crisi e fondamentale sarà capire l’evoluzione del rapporto con gli Stati Uniti alla luce del No di Francia e Olanda alla Costituzione Ue. Per questo la Fondazione Magna Carta da oggi apre a Lucca una due giorni di riflessione su «Le nuove relazioni transatlantiche». «Molte incognite pesano sul futuro dell'Europa: la sorte del Trattato costituzionale europeo, la ridefinizione degli equilibri politici all'interno dell'Ue con la destabilizzazione delle leadership di Chirac e di Schröder, il prosieguo del processo di allargamento alla Turchia e lo stesso futuro della politica estera italiana», spiega il professor Gaetano Quagliariello, direttore della Fondazione di cui il presidente del Senato Marcello Pera è ispiratore. L'incontro di Lucca, realizzato in collaborazione con il Ministero degli Esteri e con l'Ambasciata Usa a Roma, si terrà nel complesso di S. Micheletto.
I lavori saranno aperti dal presidente Pera e dall'ambasciatore americano Mel Sembler. Al seminario prenderà parte una delegazione di studiosi e opinionisti americani, tra cui Paul Berman, Michael Novak e Ariel Cohen. Per la parte italiana saranno presenti, tra gli altri, il vicepremier Giulio Tremonti e il ministro degli Esteri Gianfranco Fini. I lavori si svolgeranno a porte chiuse, tranne che per le conclusioni finali.