Prima in Europa per scambi su Etf

Borsa Italiana

da Milano

Nei primi sette mesi dell'anno Borsa Italiana è leader in Europa per scambi di Etf (Exchange traded fund) e covered warrants sui sistemi telematici. Tra gennaio e luglio - si legge in una nota della società - gli scambi sul mercato degli Etf, che rappresentano una tipologia di fondi comuni o Sicav a gestione passiva negoziati in Borsa come un comune titolo azionario, si confermano su livelli record: con una media giornaliera di 3.268 contratti e 69,5 milioni di euro di controvalore hanno infatti registrato un incremento, sul corrispondente periodo del 2005, rispettivamente del 218% e del 132%. Anche SeDeX, il mercato dei Securitised Derivatives (certificates e covered warrants) di Borsa Italiana, in questi primi sette mesi dell'anno ha registrato una crescita costante: con una media giornaliera di 17.612 contratti e un controvalore medio giornaliero di 238,8 milioni ha segnato un progresso dell'8,3% e del 48,2% sul periodo gennaio-luglio 2005. Complessivamente, da gennaio a luglio 2006, sugli Etf sono stati scambiati 483.671 contratti e 10,3 miliardi di euro e su SeDeX 2.606.540 contratti per un controvalore di 35,3 miliardi. A livello internazionale Borsa Italiana si conferma così leader in Europa sia per gli scambi su Etf sia per quelli su Securitised Derivatives. Le statistiche ufficiali della Fese (Federazione delle borse europee) del mese di luglio confermano il primato del mercato italiano per contratti scambiati sui sistemi telematici: sugli Etf sono 35.101 davanti ai 22.390 di Deutsche Borse e ai 18.500 di Euronext; sui covered warrants sono 305.050, a fronte dei 262.815 di Euronext e dei 106.818 di Swiss Exchange.