Europarlamento La Ue allarga a tutti i Paesi i finanziamenti per l’efficienza energetica

La Ue finanzierà in tutti i Paesi gli investimenti agli interventi a favore dell’efficienza energetica e delle energie rinnovabili nel settore dell’edilizia abitativa, come quelli previsti dal piano casa varato nei giorni scorsi dal governo dopo l’intesa con le Regioni. Lo ha deciso nei giorni scorsi il Parlamento europeo che ha approvato, con 629 sì, 17 no e 12 astenuti, una modifica del regolamento al Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr). La vecchia legge restringeva gli interventi a sostegno della bioedilizia solo ai nuovi Paesi membri della Ue, e solo a determinate consizioni. Grazie al voto di Bruxelles, da oggi fino al 4% dei fondi comunitari potranno così essere utilizzati per cofinanziare piani nazionali, regionali o di enti locali per una serie di misure come l’installazione dei doppi vetri, l’isolamento delle pareti e l’uso dei pannelli solari nelle abitazioni o per sostituire le vecchie caldaie con altre più efficienti. Il piano casa consente di abbattere e ricostruire edifici fatiscenti e di aumentarne la cubatura fino al 35% in caso di ricostruzione con tecniche di bioedilizia.