Euros Child, meltin’pot come un party Anni ’60

Tante sono le meteore della musica indie-rock che nascono e scompaiono, una di queste sono stati i Gorky Zygotik Mynki, band gallese che verso la fine degli anni '90 e l'inizio del nuovo millennio aveva attirato l'attenzione di moltissimi appassionati della scena alternativa britannica. I Gorky's Zygotic Mynki con il loro folk psichedelico e astratto hanno lasciato il segno nella memoria del rock inglese. Ora quella band non esiste più ma è nato un nuovo progetto chiamato Euros Childs il cui secondo album «The Miracle Inn» è stato pubblicato dall'etichetta indipendente Wichita. Euros Child sono la diretta continuazione della precedente band, un progetto dinamico che si ispira a un passato vintage ed elettrico. The Miracle Inn è una prova di pop istrionico, solo 8 tracce lunghe e astratte, astratte nel senso che manca qualsiasi riferimento canonico come strofa/ritornello, ma i suoni si adagiano viaggiando tra improvvisazione e avanguardia. Nella musica di Euros Childs si trovano riferimenti ai classici come Beatles e Birds ma anche accenni a certa new-wave di David Bowie e Talking Heads e agli anni '70 del folk-rock. Euros Child è un meltin' pot di influenze, un’amalgama sonora eclettica, acida ma anche sognante e divertente come un party fine anni '60.
Euros Child
domani sera ore 22
Casa 139 via Ripamonti 139
ingresso 10 euro