Evade dal carcere ma la fuga dura soltanto mezz’ora

Evade dal carcere ma è bloccato dalla polizia dopo neanche mezz'ora. È successo ieri pomeriggio a Rovereto, protagonista un trentenne albanese, Gentian Meta, detenuto in attesa di giudizio per spaccio di droga. Secondo una prima ricostruzione, l'albanese, dopo un colloquio con il proprio avvocato, mentre stava per essere riaccompagnato in cella è riuscito a eludere la sorveglianza degli agenti di custodia, e attraverso un corridoio è uscito nel cortile del carcere. Quindi è salito prima sul tetto di un'auto e da qui su un furgone, poi si è arrampicato sul muro di cinta posto sul retro della casa circondariale, Da lì si è lanciato. La libertà non è però durata molto: dopo una ventina di minuti, il detenuto è stato fermato.