Evasione fiscale, recuperati 28 miliardi

Molto positivo il dato del Fisco: cresicta del 78% rispetto al 2006. Aumentato del 20% il numero di evasori totali scoperti nei primi undici mesi dell'anno. Il generale Vicanolo della gdf: "Risultato migliore degli ultimi 15 anni"

Roma - La base imponibile sottratta al fisco e scoperta dalla Guardia di Finanza nei primi 11 mesi di quest’anno ammonta a 27,7 miliardi, in crescita del 78% rispetto al 2006, mentre l’Iva evasa è salita del 75% a 4,2 miliardi e i rilievi ai fini Irap del 44% a 13,5 miliardi. Lo ha riferito oggi nel corso di una conferenza stampa il generale Giuseppe Vicanolo, capo del III reparto operazioni delle fiamme gialle, aggiungendo che è aumentato del 20% il numero degli evasori totali scoperti nell’ultimo anno. Al 30 novembre 2007, gli evasori totali scovati erano 8.262, in crescita del 20% rispetto all’anno scorso. I lavoratori in nero scoperti risultano 29.447, in aumento del 4%.

La guardia di finanza "Si tratta di cifre mai raggiunte negli ultimi 15 anni dalla guardia di finanza...Questi risultati sopravanzano di molto la media degli ultimi 10 anni di attività, che si attestava su 15,6 miliardi di rilievi di imposte dirette, 2,4 miliardi di Iva dovuta e 9,4 miliardi di rilievi di Irap. Pertanto stiamo parlando di un bilancio di portata storica, superiore alle attese" ha detto Vicanolo nella sua relazione. Il generale ha poi precisato che sono stati rilevati danni erariali per 1,9 miliardi di euro causati da frodi di aiuti comunitari e nazionali, sono stati sequestrati beni per 737 milioni costituenti frutto di riciclaggio, usura, falso in bilancio, reati fallimentari e di borsa, mentre i sequestri e le confische legati alla lotta alla mafia ammontano a 595 milioni di euro.

Controlli Vicanolo ha poi sottolineato che da gennaio a novembre 2007 "la quantità di controlli è stata incrementata del 23% rispetto alla media dell’ultimo triennio" con una attenzione particolare sui contribuenti medio-grandi. Il comandante generale della guardia di finanza, il generale Cosimo D’Arrigo, ha confermato che la lotta all’evasione fiscale sarà il primo obiettivo delle fiamme gialle per il 2008. Commentando i dati illustrati nel corso della conferenza stampa, D’Arrigo ha detto che sono la prova che si sta "lavorando con serietà e concretezza, puntando a fare più verifiche, ma soprattutto in modo sempre più selettivo, mirato ed efficace".