Ex infermiera rapinata e torturata a morte

La donna, separata da oltre un anno, viveva con un cagnolino. L’unico dubbio: forse è stata lei ad aprire la porta al killer

Cina, prof picchia l’alunna

e la butta dalla finestra
Picchiata a sangue e, poi, spinta dalla finestra. Così è morta una studentessa cinese di 11 anni, uccisa da un insegnante durante una lezione. È successo in una scuola media di Yonghzou, nella provincia dell’Hunan. Li, professore 28enne, ha picchiato la piccola Zhang con violenza agghiacciante: le ha sbattuto la testa contro il banco, e quando è caduta a terra le ha calpestato il cranio. Quindi l’ha percossa con una sbarra di ferro e, infine, ha lanciato il corpo della bimba dal quarto piano. L’uomo è stato subito incarcerato.
La «Natascha ungherese»

liberata dopo 13 anni
È rimasta prigioniera in casa per 13 anni, segregata dal padre che l’ha anche violentata. Ora la donna, una 27enne di Budapest, è stata liberata. La donna è stata subito ridefinita come la «Natascha ungherese», in riferimento alla ragazza austriaca fuggita dalle grinfie del suo aguzzino che l’aveva tenuta prigioniera per otto anni. A segregare la 27enne ungherese era il padre, una guardia carceraria, che ha abusato di lei.
Morta dopo anestesia,

indagato un medico
Un medico anestesista è stato indagato nell’inchiesta sul decesso di Rosa Lacquariniti, la 58enne deceduta giovedì scorso in un ospedale comasco dopo essere stata sottoposta ad anestesia. La donna era ricoverata al centro ortopedico riabilitativo di Lanzo Intelvi (Como) per un intervento alla schiena per rachide cervicale.
Trova la casa svaligiata

Anziano muore per infarto
Alla vista della sua abitazione messa a soqquadro dai ladri è stato colto da un attacco cardiaco ed è morto. È accaduto a un anziano l’altra sera a Napoli, in un appartamento vicino a piazza Carlo III. Luigi Olmo, 74 anni, era appena rientrato, quando si è accorto che i ladri avevano portato via 800 euro. L’uomo non ha retto allo choc ed è stato colto da malore. Inutili i tentativi di rianimazione del personale del 118, allertato dal genero.
Saltate le linee telefoniche

a Lampedusa e Linosa
Problemi alle linee telefoniche di Lampedusa e Linosa. Da qualche giorno, le linee funzionano male: i telefoni delle abitazioni per l’intera giornata sono muti, le linee adsl fuori uso, così come quelle dei cellulari. Il motivo del black out è da ricercare a Licata, da dove partono i cavi sottomarini: con molta probabilità, come già accaduto qualche mese fa, un peschereccio ha tranciato il cavo.