Ex Marchiondi Sarà un campus e il 60% dei posti ai più meritevoli

Accordo fatto tra Comune e Politecnico, ora manca solo lo sgombero dei rom ed «è tutto pronto» assicura il vicesindaco Riccardo De Corato. Con la firma della convenzione con l’ateneo, Palazzo Marino ha concesso in uso per trent’anni l’ex Marchiondi di via Noale. Ora il Comune provvederà alla bonifica di tutta l’area e concorderà con la prefettura l’intervento di sgombero degli abusivi che lo occupano. Il Politecnico potrà quindi avviare i lavori per la realizzazione di una struttura da 240 posti letto per studenti fuori sede. In base all’accordo, firmato da De Corato e dall’assessore alla Casa Gianni Verga, l’ateneo si impegna a realizzare l’intervento di recupero dell’ex istituto Marchiondi in vista del campus che coprirà una superficie di 10.971 metri quadri e ospiterà, oltre alle stanze, un multicentro socio-culturale, spazi accessori e parcheggi. Il 60% dei posti letto sarà destinato a studenti capaci e meritevoli privi di mezzi. Il Politecnico, sempre secondo l’intesa, metterà in sicurezza il complesso, l’area circostante con una recinzione, installerà un adeguato numero di telecamere fisse e un impianto di illuminazione per evitare nuove occupazioni. A carico del Comune sono invece previste le operazioni di sgombero e bonifica e la demolizione delle baracche, il pattugliamento della zona almeno tre volte al giorno e il collegamento con la control room del settore Sicurezza comunale.