Ex mercato Corso Sardegna, abbandono e deserto

«Sarà un momento storico per tutto il quartiere di San Fruttuoso, interessato da un'opera importante di riqualificazione urbanistica con benefici per tutta la popolazione che avrà nuovi servizi e il decongestionamento del traffico veicolare». Con queste parole, dieci mesi fa, l'assessore comunale ai Lavori pubblici Mario Margini aveva salutato il trasferimento del mercato all'ingrosso dalla storica sede di corso Sardegna alla moderna struttura di Bolzaneto. Addio al caos notturno, addio ai camion che per tutta la notte funestavano il sonno degli abitanti di San Fruttuoso e Marassi, addio alla rimozione delle auto dai parcheggi limitrofi al mercato, dalle 23 off limits per i residenti.
Tra i vari effetti positivi che l'amministrazione comunale aveva previsto con il trasloco dei grossisti del mercato c'era anche quello di un rilancio delle quotazioni del mercato immobiliare della zona. «Dopo quasi un anno - dice Giuseppe Rizzo, responsabile della zona di Marassi del gruppo Tecnocasa - Non abbiamo registrato nessun aumento: i prezzi sono rimasti inalterati. Abbiamo venduto un piano alto con terrazzo in corso Sardegna a circa 2.500 euro al metro quadro, in linea con i prezzi storici della zona». Secondo gli ultimi rilevamenti dell'ufficio studi Tecnocasa, nel secondo trimestre 2009, i prezzi infatti oscillavano dai 1.800 ai 2.400 euro al metro quadro.
Nulla di nuovo quindi per il mercato di corso Sardegna. Neppure per quello immobiliare.
Da ottobre, quando i grossisti della frutta si sono spostati in Val Polcevera, il vecchio mercato è rimasto chiuso. Così com'era stato lasciato dai precedenti inquilini. L'inizio del restyling è stato più volte annunciato e sempre posticipato. Ancora nessuna certezza sulla data in cui gli operai della Rizzani De Eccher - l'impresa friulana che ha vinto la gara di project financing - inizieranno i lavori. A quasi un anno dal trasferimento del mercato poco sembra essere cambiato per gli abitanti di corso Sardegna. Mirko Massardo, presidente del Municipio Bassa Valbisagno, spiega: «Non c'è ancora la data certa dell'avvio dei lavori. Se non ci saranno altri intoppi dovrebbero iniziare entro un paio di mesi». Nell'attesa, la Divisione territoriale del Municipio ha richiesto - e ottenuto - il rifacimento, eseguito da Aster, della segnaletica orizzontale nella zona antistante al mercato. «Sul fronte del mercato, lungo circa 150 metri - dice Massardo - c'è spazio per almeno 80 auto. Se il cantiere sarà organizzato bene, penso che i parcheggi potranno rimanere a disposizione della popolazione anche con i lavori in corso». Parcheggi che, almeno per i prossimi mesi, assicura il presidente Massardo, rimarranno liberi e gratuiti. Almeno fino a ottobre, quando arriveranno le strisce azzurre della Blu area e Zsl di Marassi e San Fruttuoso.