Gli ex operai linciano il direttore indiano d’una fabbrica italiana

New Delhi. Il direttore indiano di una società italiana in India è stato linciato dagli ex operai a Nodai, alla periferia di New Delhi. Lalit Kishore Choudhary, della società Graziano Trasmissioni India, è morto l’altra sera per le ferite riportate dopo che un centinaio di operai licenziati due mesi fa hanno devastato i suoi uffici e lo hanno picchiato con mazze di legno e di ferro. Gli operai di questa società produttrice di componenti per automobili erano stati licenziati dopo aver chiesto un aumento del salario e aver devastato gli uffici durante violente proteste. Lunedì erano stati convocati per concordare la riassunzione di alcuni di loro, ma la discussione è presto degenerata. Choudary è stato percosso dalla folla mentre cercava di placare gli animi. Momenti di paura, ma senza conseguenze, hanno vissuto cinque tecnici italiani presenti nei locali dell’azienda. Al momento 63 persone sono state arrestate in connessione con l’omicidio e altre 73 per atti di vandalismo.