Gli ex poliziotti davanti alle scuole «Successo contro spaccio e bullismo»

Per aumentare il controllo del territorio, il Comune arruola anche i carabinieri in congedo. Anche i carabinieri, perché nel suo genere questa non è la prima iniziativa. Come assicura il vicesindaco Riccardo De Corato che spiega come Palazzo Marino utilizzi già i poliziotti in pensione per la sorveglianza e il controllo dei ragazzi davanti alle scuole. E presto potrebbe decidere di coinvolgere anche ex «ghisa» e membri della guardia di finanza. «Finora un’esperienza molto positiva - aggiunge - fatta anche con associazioni come Blue Berets e City Angels. E in particolare la convenzione con i poliziotti in pensione si è rivelata molto utile nelle aree limitrofe alle scuole per prevenire bullismo e spaccio di stupefacenti. Il Comune ha rinnovato questi presidi di protezione sociale sul territorio da parte di operatori sociali e associazioni di agenti delle forze dell’ordine in congedo. I nuovi servizi partiranno a giugno, dopo una gara pubblica, contro fenomeni di degrado sociale come vandalismi, danneggiamenti, disturbo alla quiete pubblica, immigrazione clandestina, accattonaggio con sfruttamento di minori».