Ex voto, 57 tavole per ringraziare Mostra in Santa Maria delle Grazie

Chi almeno qualche volta, per devozione o per semplice curiosità, non si è attardato nelle piccole cappelle delle chiese dedicate agli ex voto? Oggetti di culto prodotti da artigiani, mani, occhi, una gamba, in ferro o altro metallo, per rappresentare la parte del corpo che ha ricevuto la grazia, oppure opere d'arte, nella maggior parte quadri di fattura naif e piccole dimensioni, che narrano il momento sovrannaturale in cui la provvidenza si è manifestata. Si può credervi o no, ma di sicuro gli ex voto sono un catalogo caratteristico, fedele e più di una volta commovente delle miserie e delle speranze umane. Rimangono ancora due giorni per ammirare «Le vie delle grazie ricevute», una singolare e preziosa mostra nella Sacrestia del Bramante di S. M.delle Grazie, realizzata con dipinti facenti parte della collezione provata che l'ex presidente dell'Eni Eugenio Cefis ha raccolto a partire dagli anni Cinquanta e che ora sono gelosamente custoditi e presentati dalla figlia Cristina. La mostra, monotematica, presenta una selezione di ex voto con carri, carrozze e calessi: 57 tavole di autori ed epoche differenti, dal Seicento al Novecento, documentano la pericolosa vita sulle strade prima dell'avvento del motore, in campagna, nei villaggi e in città. Mezzi di trasporto aperti e chiusi, trainati da buoi o cavalli, utilizzati er lavorare, spostarsi, viaggiare incorrono in incidenti caramboleschi, durante il guado di un fiume o su una strada accidentata. Basta un attimo perché la carrozza si rovesci o il cavaliere sia sbalzato di sella. In alto, tuttavia, è di guardia un deus ex machina, la Madonna o qualche Santo, con il compito di salvare la vita al malcapitato, il quale ringrazia per l'eternità. Un'esposizione che è insieme testimonianza religiosa, culturale e soprattutto di costume di un'Italia ancora salda nella ricerca di salvezza e orgogliosa della dimostrazione di gratitudine.
Le Vie della Grazie ricevute fino a domani in Sacrestia del Bramante di Santa Maria delle Grazie. Via Caradosso1. (ore 10.30 - 19)