Expo 2015 Fumata nera per amministratore delegato e stipendi dei consiglieri

Erano quattro minorenni, ragazzi di 13 e 14 anni, accompagnati dal fratello di uno di loro, di appena 9 anni (che ha confessato incastrando la baby-gang), i responsabili degli attentati sulla linea ferroviaria Milano-Varese verificatisi tra dicembre e gennaio. In vari episodi erano stati collocati sui binari ostacoli costituiti da grossi sassi, bastoni e, in una circostanza, da un cavo di rame (da un lato incastrato sotto il coperchio di un tombino e dall’altro collegato ad un contenitore con della paglia di vetro cui era stato appiccato il fuoco) tanto da far pensare ad un attentato terroristico.
I quattro, tutti di Pogliano Milanese, sono stati individuati mercoledì con un appostamento notturno dalla Polfer; hanno ammesso le loro responsabilità e sono stati segnalati all’Autorità giudiziari. Singolare l’attteggiamento di uno dei genitori che, fortemente risentito, ha chiesto agli investigatori perchè non andassero a catturare Riina, invece di occuparsi dei «giochi» dei ragazzi.