Expo 2015 La santa alleanza Roma-Milano

Nasce la santa alleanza turistica tra Roma e Milano in vista dell’Expo milanese del 2015. Un protocollo d’intesa per la promozione internazionale delle due città siglato ieri mattina in Campidoglio dai sindaci Letizia Moratti e Gianni Alemanno. «Con Roma abbiamo individuato diverse aree di collaborazione - annuncia Moratti -. L’accordo fa parte della promozione complessiva dell’Expo che sarà un evento internazionale e dunque non soltanto milanese».
E allora eccoli i numeri dell’Expo: 29 milioni i visitatori annunciati, per un giro d’affari che si aggira sui 44 miliardi di euro. Un indotto che, grazie ai protocolli di intesa firmati dalla Moratti con alcune città italiane (undici fino a ieri fra cui Firenze, Palermo, Genova e Trieste) «le prossime saranno Verona e Napoli» annuncia il sindaco si dividerà su tutta la penisola.
A Roma si stima che saranno 540 i milioni di euro che pioveranno grazie all’Expo ma si augura Moratti «la Camera di Commercio ha stimato 500 milioni di euro in ricaduta turistica a Roma ma, con questo accordo, speriamo però di superarla». Come lo spiega lo stesso sindaco che definisce le aree comuni «importante sarà la collaborazione congiunta attraverso l’ente Fiera. Un’altra area sarà legata agli eventi culturali (7mila previsti) che non sono localizzati solamente a Milano. É in programma la promozione del «Festival del Cinema» che sarà inserito nel circuito Expo, la vetrina - come è stata chiamata - «della nuova Italia.
Non solo cultura. Importante sarà la comunicazione fra le due metropoli a livello di infrastrutture, come le università. Roma potrà contare nello specifico su oltre 6.500 nuovi occupati, che saranno distribuiti principalmente nel settore ricettivo (più di 4.300) e della ristorazione (circa 1.400). Il tutto a fronte, hanno ribadito i due sindaci, di almeno 29 milioni di visitatori attesi da tutto il mondo.
«Il protocollo d’intesa tra i sindaci Moratti e Alemanno in vista dell’Expo 2015 sarà fondamentale per lo sviluppo di Roma - commenta il presidente del Consiglio Comunale Marco Pomarici -. Tra sei anni l’esposizione universale fungerà da locomotiva per moltissimi settori nevralgici, basti pensare ai 540 milioni di euro di indotto turistico e ai 6500 nuovi occupati solamente nella capitale. Roma e Milano sono le due città più importanti d’Italia, la loro collaborazione istituzionale è strategica e mi auguro possa proseguire anche a livello di consiglio comunale».
«L’Expo 2015 sarà un evento fondamentale non solo per Milano - aggiunge infine Gianni Sammarco, deputato del PdL - e avrà benefiche ripercussioni per la crescita e lo sviluppo dell’intero paese. Roma è la capitale politica d’Italia, la sede di importanti istituzioni internazionali, la meta turistica più ricercata e avrà quindi un ruolo strategico. Il protocollo testimonia una positiva unità di intenti e una volontà di cooperazione tra le due amministrazioni, responsabili anche sulla questione di Alitalia in cui è stata ribadita la complementarietà degli aeroporti di Fiumicino e Malpensa e l’importanza di entrambi nell’interesse della collettività».