Expo 2015 la sfida di Letizia

«La candidatura di Milano all’Expo del 2015 va oltre quell’evento. Dobbiamo riuscire a dare un contributo alle grandi sfide dei nostri tempi, Milano vuole diventare la casa per quei Paesi che vorranno avere visibilità su una parte del mondo importante». Così il sindaco Letizia Moratti ieri a Roma, in Campidoglio, al termine della due giorni dedicata alla grande vetrina internazionale. Tappa decisiva, nella sfida con la turca Smirne, per l’assegnazione dell’organizzazione del prestigioso evento. «Milano - le parole del sindaco che è anche presidente del comitato per la candidatura di Milano - si aspetta di poter avere la possibilità di rafforzare il proprio dialogo internazionale sui grandi temi. Chiamando a far parte di tutto questo non solo i governi, ma anche le comunità scientifiche, culturali e la società civile, in nome di un lavoro che non può e deve più essere settoriale». La Moratti, nel suo intervento davanti ai delegati dei Paesi presenti a Roma, ha parlato della necessità di mettere in moto processi flessibili che «partano dal basso» e ha tratto le conclusioni dei lavori della due giorni chiamando in causa «i singoli individui, a prescindere dagli incarichi che rivestite. La responsabilità individuale infatti è la vera risposta a tutti i problemi».