Expo, Calderoli: prime risorse nel prossimo Cdm La Moratti: fiduciosi sul varo della legge speciale

Le
prime risorse economiche per organizzare l’Expo a Milano nel 2015
saranno stanziate dal prossimo Consiglio dei
ministri. Lo annuncia il ministro per la Semplificazione normativa. Il sindaco: preoccupazioni superate

Le prime risorse economiche per organizzare l’Expo a Milano nel 2015 saranno stanziate dal prossimo Consiglio dei ministri. Lo annuncia il ministro per la Semplificazione normativa, Roberto Calderoli, al termine di un incontro avuto con il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e con il ministro per l’Economia Giulio Tremonti. "Il governo - riferisce Calderoli in una nota - inserirà nel decreto legge che anticipa la manovra economica, e che verrà sottoposto all’esame del Consiglio dei ministri la prossima settimana, le prime risorse economiche per l’organizzazione dell’Expo. Esprimiamo piena soddisfazione per questa decisione, che risponde concretamente alle forti sollecitazioni venute al riguardo dal ministro Umberto Bossi e dal sindaco Letizia Moratti vista l’importanza dell’evento in questione".

Insomma, i dubbi e le perplessità dopo le parole del ministro dell'Economia sull'urgenza dei finanziamenti, sembrano rientrati. Del resto il sindaco Letizia Moratti era stata chiara, sul punto: "Ci sono impegni internazionali dell'Italia legati anche alla garanzia dei finanziamenti". Il sindaco si era detto certo che il governo li avrebbe mantenuti. E Bossi si è schierato con decisione al suo fianco.

La Moratti: fiduciosi sul varo della legge speciale "Siamo fiduciosi in una soluzione positiva". Così il sindaco, ottimista sul varo in tempi brevi del decreto legge che dovrebbe stanziare le risorse finanziarie necessarie per l’Expo 2015. "Le preoccupazioni sono state superate", ha detto al suo arrivo alla presentazione del calendario di spettacoli estivi milanesi "La bella estate", a proposito degli stanziamenti governativi. "Ho avuto rassicurazioni sull’Expo dal ministro dell’Economia, le preoccupazioni - ha aggiunto - sono state superate in un incontro con il presidente del Consiglio". Rimane invece la preoccupazione sulla manovra di tagli ai Comuni. "Per questo - ha detto il primo cittadino milanese - avrò un incontro con i sindaci per valutare insieme le alternative più costruttive".

Ispettori Bie Intanto il Comune attende la visita, programmata per i primi di luglio, degli ispettori del Bie, l’organismo che sovrintende all’organizzazione dell’Expo. Fra le altre cose, gli ispettori dovranno verificare proprio lo stanziamento dei fondi per i lavori.