Expo Provincia, Garnero: «Dal Pd accuse ingiuste e false»

«Accuse ingiuste e false». Così l’assessore a Expo, Moda ed Eventi della Provincia Silvia Garnero ha risposto alla mozione di sfiducia presentata dal Pd e per chiedere la revoca del suo incarico. Un documento bocciato dall’aula con 27 voti contrari e 15 favorevoli. Ad aprire il dibattito in aula il presidente Guido Podestà. «Ritengo quello che stiamo discutendo irrispettoso, ingeneroso e irrituale. Non intendo accogliere suggestioni di questo tipo». «Non c’è nulla di personale contro l’assessore», ha chiarito il Pd con il vicepresidente del consiglio Ezio Casati che ha parlato di «un’arroganza che non funziona, non incanta e non intimorisce». La Garnero parla, invece, di «una giunta che ha svolto un ruolo attivo e centrale nella delicata gestione della questione Expo. Se il mio ruolo è apparso defilato è sbagliato che questo venga percepito come noncuranza anche perché la gestione della comunicazione su una questione così delicata è di competenza della giunta e del presidente. Ma io posso assicurare che in quest’anno di lavoro abbiamo creato una struttura piccolina ma che ha lavorato molto».