Expo Venice: «Il Festival del Mare»

nostro inviato a Venezia
Una prima anche per Piergiacomo Ferrari, manager di lungo corso, già ad di Fiera Milano: ieri ha debuttato come presidente di Expo Venice, società che organizza il settimo Salone nautico di Venezia. «Expo Venice - ha detto - si propone di organizzare eventi, e non semplicemente gestire spazi». Si dice che la formula del Nautico veneziano, somigli molto più al Motor Show di Bologna che ai saloni tradizionali. «Questo non è un salone - ha aggiunto Ferrari - ci piace chiamarlo Festival del Mare». E a Venezia si trova un mix di business, arte, cultura, formazione e sport. E i numeri del salone danno ragione a Ferrari: 600 espositori, 400 barche, 30 modelli in anteprima. Si aspetta solo qualche raggio di sole per la carica dei boat people.
Tra gli ospiti della cerimonia d'apertura il presidente dell'Ucina (associazione di categoria che fa capo a Confindustria), Anton Francesco Albertoni, che ha sottolineato la grande potenzialità di sviluppo della nautica da diporto, che nel 2006 ha contribuito al Pil per più di 5 miliardi, occupando oltre 80mila lavoratori. E che nel 2007 avrebbe sfiorato i 7 miliardi. «Ma - ha sottolineato - il settore ha bisogno di interventi urgenti. Abbiamo fatto numerose richieste all'attuale governo. Quasi tutte senza risposta».
Ferrari ha poi annunciato un nuovo progetto: il Festival dell'Aria, una manifestazione aeronautica nella zona dell'aeroporto Marco Polo. «Vogliamo dimostrare - ha concluso Ferrari - che pur non avendo un quartiere fieristico, Venezia può competere con tutte quelle città che hanno strutture adeguate».