«Export a rischio con super-cambio: la Bce intervenga»

da Milano

Finora, erano rimasti in silenzio. Ma quando è troppo, è troppo. Così, a dar voce all’insofferenza degli imprenditori italiani nei confronti del super euro, è stato ieri il presidente di Confindustria, Luca Cordero di Montezemolo: «Chiediamo alla Bce e premeremo sul nostro governo perché faccia qualcosa. Un euro così forte crea problemi alle nostre esportazioni», ha detto ieri in occasione del seminario del Centro Studi Confindustria. A chi chiedeva quale fosse la strategia che la banca centrale di Francoforte, intenzionata a proseguire nella politica di irrigidimento del costo del denaro, dovrebbe adottare sui tassi d’interesse per fronteggiare le turbolenze sui mercati, Montezemolo ha spiegato: «Dobbiamo stare molto attenti, da una parte dobbiamo guardare all’inflazione e dall’altra alla crescita. Ci siamo preoccupati qualche anno fa per un euro troppo debole, ora ci preoccupiamo per un euro troppo forte». Alla domanda se sarebbe un errore per la Bce aumentare i tassi, il leader degli industriali ha risposto: «Non voglio dare lezioni a nessuno, ma devo dire che un euro così forte crea problemi per le esportazioni di tutta Europa».