F1 e spie, dalla McLaren un dossier sulla Renault

Il presidente della Fia Mosley conferma: "Dennis mi ha parlato di alcuni sospetti per uso illecito di informazioni riservate. L'ho invitato a presentare un documento ufficiale. Sto aspettando". Briatore smentisce

Londra - Dopo la stangata alla McLaren, ora anche la Renault rischia: la scuderia di Woking sarebbe pronta a denunciare alla Fia il team francese. L’accusa sarebbe uso illecito di informazioni riservate. Per il momento non c’è nulla di confermato ma la notizia, ripresa dal sito della Bbc, potrebbe presto trovare sviluppi. Mosley ha inoltre confermato di aver già parlato con Ron Dennis, invitando il numero uno della McLaren a presentare un dossier.

Dossier inglese "È presumibile che si tratti di un dipendente che si è impadronito di determinati floppy disk - ha spiegato il presidente della Fia Max Mosley -. Non abbiamo ancora ricevuto alcuna protesta ufficiale come invece la McLaren ci aveva preannunciato. Quando avremo qualche elemento in più avvieremo le verifiche del caso". Mosley ha inoltre confermato di aver già parlato con Ron Dennis, invitando il numero uno della McLaren a presentare un dossier. "Con l’autorizzazione della Renault, recentemente la McLaren ha inviato alcuni esperti per controllare i computer della scuderia rivale. Se ci fosse qualcosa di rilevante, non ho dubbi che ce lo farebbe sapere".

Briatore non si preoccupa Un’eventualità neppure presa in considerazione da Flavio Briatore, preoccupato di fugare ogni dubbio dalla sua scuderia. "Se qualcuno accosta questa storia a quella della McLaren lo denuncio", ha dichiarato sbrigativamente Briatore.