F1, (ri)vince Button su Brawn: gara dimezzata dalla pioggia

Un violento nubifragio costringe i commissari gara a interrompere in anticipo il gp di Malesia. Al secondo posto la Bmw di Kubica seguito dalle Toyota di Glock e Trulli. Hamilton settimo, Massa nono, ritirato Raikkonen

Sepang - Button conquista la seconda vittoria di fila nel mondiale, dopo quella al Gp d'esordio in Australia. Nel caos causato dalla pioggia, che ha costretto a interropemere in anticipo il gran premio, l'inglese ha chiuso dopo 32 giri, prima dello stop deciso dai giudici, davanti alla Bmw di Nick Heidfeld. Terzo posto per la Toyota di Timo Glock, che ha preceduto il compagno di scuderia Jarno Trulli, quarto. Quinta l'altra Brawn Gp di Rubens Barrichello, sesta la Red Bull di Webber, settima la McLaren di Lewis Hamilton e ottava la Williams di Nico Rosberg. Fuori dalla zona punti la Ferrari di Felipe Massa, nona. Dal momento che la gara è stata interrotta prima che si fossero corsi i tre quarti previsti dal regolamento ai piloti piazzatisi dal primo all'ottavo posto verrà assegnata la metà del punteggio. Ferrari e McLaren ancora lontane dalla Brawn e dalla Toyota, dunque, con Raikkonen costretto al ritiro per problemi al kers, il sistema in grado di ricavare un surplus di potenza dalla frenata.

Massa: "Un bel casino..." Questo il primo commento del pilota brasiliano della Ferrari, Felipe Massa, dopo la decisione dei commissari di gara di non riprendere il Gran Premio di Malaysia a causa del mal tempo. "Per la sicurezza dei piloti è stato giusto fermare la gara - ha spiegatoai microfoni della Rai -. Non si poteva guidare con questo tempo. Sulla stessa lunghezza d'onda Fernando Alonso: "E' stato tutto un po' caotico, molto strano - le parole dello spagnolo della Renault -. Comunque la decisione di non riprendere è stata giusta perché il tempo è molto brutto".