F1, Schumacher in pista Il debutto a Valencia dietro la Ferrari: VIDEO

Il tedesco gira con il casco rosso. Al primo girosi trova in scia alla Ferrari di
Massa: una scena che i tifosi ferraristi si augurano di vedere a lungo. <strong><a href="/video/schumacher_mercedes/id=schumi_valencia?" target="_blank">GUARDA le immagini esclusive</a></strong>

Valencia - Alle 15.29 di oggi è cominciata l’avventura di Michael Schumacher al volante della Mercedes GP. Il 41enne pilota tedesco è sceso in pista nella giornata iniziale della prima sessione stagionale di test. Schumi, che nel Mondiale 2010 tornerà nel circus dopo tre anni di stop, aveva affrontato gli ultimi test ufficiali nel 2008, quando svolgeva l’attività di super-consulente per la Ferrari. Il driver di Kerpen va a caccia dell’ottavo titolo iridato della carriera con il team allestito dalla Mercedes, nel quale fa coppia con il connazionale Nico Rosberg.

Di nuovo in pista Appena uscito sul tracciato con la vettura marchiata Mercedes e disegnata da Ross Brawn il tedesco si è trovato in pista alle spalle di Felipe Massa che ha seguito per qualche giro. I tifosi della Ferrari si augurano di rivedere la scena molte volte nel corso della stagione. Con uno Schumi che, dopo il tradimento ai danni del Cavallino, sia di nuovo competitivo, ma comunque un passo indietro rispetto alla Rossa. 

Massa davanti a tutti Massa davanti a tutti e Schumacher al terzo posto nella prima giornata di test. Il pilota brasiliano della Ferrari ha dimostrato di aver ormai completamente archiviato lo spaventoso incidente con cui a luglio, nelle qualifiche del Gp d’Ungheria, ha chiuso la sua stagione 2009. Oggi Massa ha completato 102 giri, il migliore in 1’12"574. Lo spagnolo Pedro de la Rosa, al volante della Bmw Sauber, ha fermato il cronometro su 1’12"784 e ha fatto meglio del rientrante Schumi. Il 41enne tedesco è stato protagonista di un pomeriggio in crescendo. Schumi ha completato 40 giri, con il miglior crono di 1’12"947. Il sette volte campione del mondo, al rientro nel circus dopo circa tre anni di stop, ha fatto meglio del connazionale e compagno di squadra Nico Rosberg, che in mattinata non era sceso sotto la soglia di 1’13"543.