Fa il bagno nudo nella fontana, show inaspettato in San Babila

L’uomo arabo è stato portato al Niguarda

Nudo. Completamente nudo in mezzo alla fontana di piazza San Babila. E - parlo per esperienza personale - non era esattamente un bel vedere. Quando l’ho notato (erano le 15.15) stavo passando in scooter e, in un primo tempo, ho pensato di avere le allucinazioni da troppo smog: a Milano, mi perdonino i supporter dell’Ecopass, possa anche succedere. Poi ho creduto che fosse la pressione bassa e, infine - poiché avevo rallentato, aguzzato lo sguardo e quell’uomo nudo, in mezzo agli zampilli delle fontanelle centrali della vasca, c’era davvero! - ho temuto di essere la privilegiata (?) spettatrice di un happening o di una trovata pubblicitaria che, comunque, continuavo a trovare di pessimo gusto, anche se quell’uomo fosse stato George Clooney o Benicio Del Toro e vi assicuro che no, non lo era: quel tizio nudo, tra l’altro, era la quinta essenza della bruttezza. E non perché fosse un 30enne marocchino: non si tratta di una questione di xenofobia. Ma di estetica e buon gusto sì! E continuo a pensare che certe cose «pubbliche», se proprio (ahinoi) devono palesarsi le debba fare chi se le può permettere. Così, se anche adesso i miei colleghi mi ripetono che sono proprio i meno seducenti a prodursi in esibizioni di questo genere, il fatto continua ad apparirmi sconsolante.
Tornando al nostro nudo nella fontana, sono dovuti intervenire gli uomini della Guardia di Finanza a tirarlo fuori. Impresa non facile tra la gente che, ridacchiando, sgomitava per non perdersi lo spettacolino (durato una ventina di minuti) di questa versione «povera» della Dolce Vita. Lui, così come si era spogliato e si era piazzato in mezzo alla fontana da dove partono gli zampilli, se ne stava lì beato, tra i pochi centimetri d’acqua. «Vedo Dio nell’acqua! Sì, Dio è nell’acqua di questa fontana!» continuava a ripetere come fosse stato in preda a una visione mistica. Tuttavia la sua divinità, chiunque essa fosse, non si è mostrata onorata da tanta devozione. Tant’è che il marocchino non solo è stato allontanato dalla fontana dagli agenti delle Fiamme gialle e portato all’ospedale Niguarda da un’ambulanza scortata da due motociclisti della polizia municipale, ma lo hanno anche sottoposto a un Trattamento sanitario obbligatorio (Tso), la vecchia camicia di forza. Sperando che capisca che proprio... non è cosa! Ha capito signore nudo?