Fa troppo freddo: Amsa ha sospeso il lavaggio strade

Rischio di gelate, i mezzi si limitano a spazzare. E il pm10 va alle stelle

«Non possiamo trasformare le strade in piste da pattinaggio: finché la temperatura, durante la notte, resta sotto zero lavare le strade è impossibile».
Ecco spiegato perché, da diversi giorni, i 397 mezzi che ogni notte ripuliscono la città si limitano a spazzare vie e piazze, senza usare l’acqua. Le polveri prodotte dal traffico restano così sul manto stradale. E questo non aiuta a ridurre i livelli del Pm10 (le polveri fini) che dall’inizio dell’anno è rimasto sotto la soglia di attenzione per un solo giorno, la domenica seguita al primo blocco totale della circolazione.
Il freddo ha costretto a sospendere il lavaggio delle strade anche lo scorso inverno e sempre durante il mese di gennaio, il più critico in fatto di pulizia delle carreggiate. Stavolta i giorni con il termometro sotto lo zero sono stati finora di più, da settimane i mezzi dell’Amsa non possono lavare le strade. Dall’inizio di dicembre, poi, sulla città non cade una pioggia significativa, in grado cioè di ripulire l’aria.
«Noi prendiamo come riferimento le previsioni del tempo - raccontano all'Amsa -. Quando è annunciata per la notte una temperatura sotto lo zero sappiamo già che i mezzi non potranno spargere acqua. Liquidi alternativi? Non esiste nulla di valido», spiega l’azienda.
Nei prossimi due giorni il meteo annuncia neve in città. I mezzi dell’Amsa, se veramente cadranno dei fiocchi in città, dovranno mettersi al lavoro per ripulire carreggiate e piazze, sulle strade sarà sparso il sale. Di pulizia si tornerà a parlare la prossima settimana, ma solo se il termometro risalirà oltre quota zero.